Autore Topic: Kodachrome e Foveon  (Letto 1608 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Douglas Mortimer

  • Militant
  • ***
  • Post: 383
  • Fabio B.
    • Toscana
    • Mostra profilo
    • Fabio Bernieri Photography
  • Foveon User: Sì
Kodachrome e Foveon
« il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 00:13:42 »
Non so se questa è la sezione giusta, ma voglio farvi vedere questa simpatica (e per me interessante) immagine, trovata su Flickr, che affianca due riprese molto simili: la foto di sinistra è stata scattata su pellicola kodachrome, quella a destra con Foveon (SD9):


Kodachrome and Foveon di alex_virt, su Flickr
http://www.fabiobernieri.com/
"A cosa serve una grande profondità di campo se non c’è un’adeguata profondità di sentimento ?"
(William Eugene Smith)

Offline Elias

  • Junior
  • *
  • Post: 88
  • Morbegno SO (verso i Cech)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #1 il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 00:45:21 »
Stavo pensando la stessa cosa fra me e me riguardando questo vecchio challenge
specialmente le immagini 3 e 10
http://www.dpreview.com/challenges/Challenge.aspx?ID=3101
onestamente però parlo solo per impressione, mai avuto la fortuna di
maneggiare una Kodachrome
SD14+SD14+DP1 -10-20, 50, 70, 50-150, 150
"The single most important component of a camera is the twelve inches behind it (A.A.)"

Offline Douglas Mortimer

  • Militant
  • ***
  • Post: 383
  • Fabio B.
    • Toscana
    • Mostra profilo
    • Fabio Bernieri Photography
  • Foveon User: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #2 il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 00:52:27 »
Stavo pensando la stessa cosa fra me e me riguardando questo vecchio challenge
specialmente le immagini 3 e 10
http://www.dpreview.com/challenges/Challenge.aspx?ID=3101

Bellissime!  :wow:
http://www.fabiobernieri.com/
"A cosa serve una grande profondità di campo se non c’è un’adeguata profondità di sentimento ?"
(William Eugene Smith)

Offline BeSigma

  • Occhi profondi per vedere il vero
  • Global Moderator
  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.028
    • Sardinia Nation
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #3 il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 01:27:41 »
si, sono daccordo, in particolar modo il trattamento FOVblue della SD1 sembra una ricerca esplicita di kodachrome.... io stesso ho fatto delle prove su miei scatti....., eccoli

http://sigmadp1.forumup.it/viewtopic.php?t=5993&mforum=sigmadp1

ed ecco il post dove ne parlai

http://sigmadp1.forumup.it/viewtopic.php?t=5991&mforum=sigmadp1

come se... ridendo dei miei demoni, tenessi fra le mani gli angeli...
SD9 + SD10 + SD14 + SD15 + SD1 + Dp1s + Ottiche serene variabili

http://www.flickr.com/photos/matlin78/
http://500px.com/BeSigma

Offline Admin

  • Administrator
  • Junior
  • *****
  • Post: 83
  • Antonello S. aka Sardosono
    • Sardegna
    • Mostra profilo
    • Italian Foven Community
  • Foveon User: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #4 il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 02:49:01 »
Molto istruttivo il confronto.

Mi sono divertito ad esporre e trattare circa 200 scatti con l'apposito intento di simulare le pellicole che conoscevo meglio, cioè Kodachrome 25 e 64, Ektachrome 64 e Velvia 50 (dia) ed Ektar 100 (neg). il KC 64 è quello che viene più naturale perché non richiede che pochissimi accorgimenti, e le due foto riportate sono perfette per spiegarlo.
1) la dia mantiene la tonalità più calda che nell'altra foto è stata eliminata quasi completamente non ostante il sole ancora più basso (basta confrontare l'asfalto);
2) la dia ha ovviamente la gamma dinamica MOLTO più compressa (per esempio i tronchi degli alberi)
Per ottenere uno scatto KC dalla SD15 basta semplicemente:
A) in ripresa impostare il WB per luce flash e sottoesporre di uno stop e mezzo (riducendo il tempo e non il diaframma, per non aumentare il rumore)
B) in SPP recuperare l'esposizione e aumentare il contrasto fino a che le ombre profonde iniziano ad impastarsi e tornare indietro di un pochino, e infine, ovviamente, NON correggere il bilanciamento del bianco.
Se si riduce la gamma dinamica solo innalzando il contrasto senza sottoesposizione si fa più in fretta ma il risultato è inferiore.
Tutto qui.

Invece per le altre pellicole ci vuole molto più lavoro e bisogna anche alterare separatamente il gamma dei tre canali cromatici (non basta regolarli).


PS Ok lo so che sto postando come admin, ma l'account utente non l'ho ancora attivato e non ne posso più di scrivere solo post di gestione del forum...  O:-)
"Prima di cominciare a parlare, accertati che la bocca sia collegata al cervello." --- Oscar Wilde

F O V E O N .it

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.179
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #5 il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 09:42:22 »
Citazione
la foto di sinistra è stata scattata su pellicola kodachrome, quella a destra con Foveon (SD9)
Trovo pressoché inattendibile il confronto diretto di una emulsione nata per la proiezione con una nata per la stampa.
L'immagine KC è stata scandita e quindi filtrata dalle limitazioni dinamiche dello scanner, inoltre ci sono segni di interventi di sharpening e chissà che altro.
In conclusione: in digitale probabilmente si può fare di tutto su tutto ma è improbabile che si possa trasferire l'impatto emotivo di un Kodachrome proiettato su uno schermo da 1,5m con una sua riproduzione su un monitor da 25".

Einstein aveva ragione: la "relatività" esiste! ;)

.
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5_Apo__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline Douglas Mortimer

  • Militant
  • ***
  • Post: 383
  • Fabio B.
    • Toscana
    • Mostra profilo
    • Fabio Bernieri Photography
  • Foveon User: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #6 il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 09:53:26 »
Io invece mi sento di concordare con Sardosono. Sarà per suggestione, eppure la maggior parte fotografie KC che ho reperito sulla rete hanno un aspetto che per certi versi mi ricorda molto quello delle immagine restituite dal Foveon.
Osservate questi bellissimi scatti in KC, degli anni '40, che proprio Italo linkò nel vecchio forum:
http://pavel-kosenko.livejournal.com/303194.html?thread=22669914

Per quanto riguarda invece l'impostazione FOVblue, trovo eccessivamente sovrassaturi i blu. Sarei curioso di vedere applicata questa impostazione su scatti notturni.
http://www.fabiobernieri.com/
"A cosa serve una grande profondità di campo se non c’è un’adeguata profondità di sentimento ?"
(William Eugene Smith)

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.179
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #7 il: Venerdì, 29 Marzo 2013, 11:00:05 »
Citazione
Osservate questi bellissimi scatti in KC, degli anni '40, che proprio Italo linkò nel vecchio forum:
Tecnicamente parlando non credo sia riproducibile col digitale la resa in toni cromatici di KC su folding 4x5".
Con questo non intendo dire che una tecnologia sia migliore di un'altra... sono semplicemente "diverse" e, per un certo verso, trovo insignificante voler imitare un modello che, seppur offrendo un accattivante aspetto, non può certo considerarsi perfetto per i propri limiti dinamici e di coerenza cromatica... e' solo uno spunto per nostalgiche rimembranze!
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5_Apo__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline naphtha

  • Senior
  • ****
  • Post: 829
  • Banco e sto.
    • Crotone
    • Mostra profilo
    • Flickr
  • Foveon User: Sì
Re:Kodachrome e Foveon
« Risposta #8 il: Giovedì, 02 Ottobre 2014, 09:04:38 »
Citazione
Osservate questi bellissimi scatti in KC, degli anni '40, che proprio Italo linkò nel vecchio forum:
Tecnicamente parlando non credo sia riproducibile col digitale la resa in toni cromatici di KC su folding 4x5".
Con questo non intendo dire che una tecnologia sia migliore di un'altra... sono semplicemente "diverse" e, per un certo verso, trovo insignificante voler imitare un modello che, seppur offrendo un accattivante aspetto, non può certo considerarsi perfetto per i propri limiti dinamici e di coerenza cromatica... e' solo uno spunto per nostalgiche rimembranze!

 :si:
Sigma sd Quattro - Sigma 18-35 f/1.8 Art - Sigma 8-16 mm f/4.5-5.6 DC HSM - Sigma 100-300 mm f/4.5-6.7 DL