Autore Topic: Nikon D750  (Letto 1055 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Sardosono

  • Global Moderator
  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.071
    • Casteddu
    • Mostra profilo
    • Italian Foven Community
  • Foveon User: Sì
Re:Nikon D750
« Risposta #30 il: Martedì, 21 Giugno 2016, 13:14:51 »
Il problema di tirar fuori qualcosa di simile al foveon dal bayer forse non è solo matematico ma commerciale, un sensore bayer funziona, come ben sappiamo, componendo informazioni di colore con 4 pixel (uno rosso, uno blu e 2 verdi).
Se questi pixel fossero messi a quadrato sarebbe facile, se non ci fosse un filtro antialiasing, comporre unicamente questi quattro pixel in un pixel equivalente al foveon.
Perché allora le case non lo fanno?
Secondo me perché il risultato sarebbe una foto con un quarto dei pixel dichiarati e poi chi lo va a spiegare agli utilizzatori?
Una macchina da 40 Mpixel che esce con una foto da 10 Mpixel?
Esatto. Quello che descrivi si chiama binning cromatico e nel lontano passato (ormai agli albori del digitale) ci sono state alcune fotocamere che lo consentivano. Al posto della matrice RGBG (Rosso Verde Blu Verde) usavano una matrice RGBW (Rosso Verde Blu Bianco) in modo da raggiungere effettivamente il 100% di informazione ed avevano la possibilità di scegliere se operare con massima risoluzione ma a mosaico, oppure in binning a mezza risoluzione lineare (un quarto in superficie) ma senza mosaico e quindi con informazione al 100% come il Foveon. Ma come hai detto tu era una scelta commercialmente perdente per via della risoluzione apparente, che inoltre richiedeva l'eliminazione del filtro anti-aliasing (allora considerato indispensabile) e una matrice RGBW che appariva strana, di conseguenza furono tentativi che non solo non ebbero successo ma non fecero neanche notizia, furono abbandonati e finirono nel dimenticatoio. Purtroppo la memoria non mi aiuta a ricordare i nomi dei modelli, ma diciamo che tutte le (peraltro pochissime) fotocamere con matrice RGBW e senza filtro AA lo consentivano.
Congelare in una foto l'istante effimero ci permette di estrarlo dall'eternità, non tanto, o non soltanto, per documentarlo, quanto soprattutto per poterlo "ammirare" (anonimo sardo)

SD15+SD10 50/1.4+17-70/2.8-4OS+17-35/2.8-4+Elmarit135/2.8
EM1+GX7+GH1 20/1.7+25/1.4+45/1.8+60/2.8+70/2.8+20-40/2.8+Vario-Elmarit14-50/2.8
X-T10 35/1.4+50/1.2+28/2.8+Sonnar90/2.8+135/2.5+16-50/3.5-5.6+70-200/4Macro
LX100  GXR+evf 50/2.4Macro+28/2.4  Alpha65  S3Pro  Digilux-2

Offline DANYZ

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.366
    • Bologna
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Ex
Re:Nikon D750
« Risposta #31 il: Martedì, 21 Giugno 2016, 14:51:13 »
...Quello che descrivi si chiama binding cromatico...era una scelta commercialmente perdente per via della risoluzione apparente, che inoltre richiedeva l'eliminazione del filtro anti-aliasing (allora considerato indispensabile) e una matrice RGBW che appariva strana...

La vera sfida era appunto la vendibilitá. Se il parametro strombazzato sono i megapixels, l'utilizzatore vuole il prodotto col maggior numero di megapixels, ed è questo che ha fatto e fa vendere ancora oggi, i numeri più alti.

La pubblicità serve a questo: lavaggio del cervello.
ALOHA