Autore Topic: Foveon e la tanta forse troppa nitidezza, colpa di...  (Letto 1009 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sardosono

  • Global Moderator
  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.046
    • Casteddu
    • Mostra profilo
    • Italian Foven Community
  • Foveon User: Sì
Re:Foveon e la tanta forse troppa nitidezza, colpa di...
« Risposta #15 il: Mercoledì, 04 Gennaio 2017, 16:52:09 »
Anch'io sono stato un po' disturbato da questi artefatti che si creano sopratutto nei ritratti dove i pori della pelle vengono esasperati come le lentiggini.
Ovviamente capisco bene il problema, l'eccesso di dettaglio disturba in alcune situazioni, in particolare nel ritratto femminile.
Ma nella tua espressione stai chiamando cipolla l'aglio e aglio la cipolla!  :))  Mi spiego.

Quella che può essere definita come "esasperazione dei dettagli" non è dovuta alla presenza di artefatti, bensì all'esatto contrario, ossia alla mancanza degli stessi. In questo caso alla mancanza di quel grande, enorme, monumentale ed onnipresente artefatto prodotto dal mosaico che va sotto il nome (*) di "spalmatura". In altre parole, la nettamente minor definizione del mosaico unita alla sua insita ed ineliminabile spalmatura dei dettagli, costituiscono una "mano santa" nella fotografia di ritratto: in pratica si ha un "lifting" automatico sulla pelle, che spesso è sufficiente per evitare di doverla lisciare ulteriormente in post-produzione.

Col Foveon, viceversa, non solo la definizione del dettaglio (che si chiama microcontrasto) è massima come nella pellicola, ma manca ogni forma di artefatto, la qual cosa ha per conseguenza che TUTTO il dettaglio è riprodotto come meglio non si può con quella risoluzione. Ripeto: TUTTO il dettaglio, quindi sia quello che ci piace e/o che ci fa comodo, sia quello che non ci piace e/o che ci è d'intralcio.

Si badi bene che "il problema" (ammesso di volerlo considerare tale) è sempre esistito perché è identico nella pellicola e per le stesse ragioni. Non a caso esistevano gli obiettivi "soft da ritratto", con varie denominazioni commerciali (per esempio Nikon li chiamava Defocus-Control), che altro non erano che lenti rese intenzionalmente difettose al fine di introdurre proprio una sorta di spalmatura dei dettagli dell'immagine. Grazie a queste lenti, si riusciva a ridurre del 90% (e a volte persino ad evitare) il lungo (anche fino ad un'ora per ogni immagine finita) e tedioso lavoro di "spuntinatura" in camera oscura.  Con l'avvento del mosaico nel digitale, questi obiettivi "speciali" sono caduti in disuso in quanto diventati inutili, perché ci pensa già il mosaico stesso ad introdurre più che abbondante spalmatura!  :))  Il problema,  ::)  ahinoi, è che il mosaico questa bella spalmatura la mette dappertutto, senza alcun riguardo, non soltanto sulla pelle femminile!!!  :ohi:

In conclusione, personalmente ritengo che dire che il Foveon produca "troppa" nitidezza sia un assoluto non senso. Il Foveon ha lo stesso grado di nitidezza della pellicola, anzi diciamo meglio di una OTTIMA pellicola, che è il grado di nitidezza della realtà per una data risoluzione. Questa è infatti la nitidezza naturale, ossia la massima possibile per una data risoluzione (nell'ipotesi, ovviamente, che la lente davanti al sensore non faccia da collo di bottiglia).

Io bazzico nella fotografia dal 1969 e non ho mai sentito dire che la nitidezza di una pellicola fosse TROPPA. Credo che se qualcuno avesse sostenuto una cosa simile sarebbe stato preso per un burlone che ama i "non sense", o per un alcolizzato che non distingue più tra la vista da sobrio e quella annebbiata da ubriaco. Dunque, la spiegazione di questa sensazione di eccessiva nitidezza è dovuta unicamente al fatto che chi è nato col digitale (o che la pellicola l'ha conosciuta troppo poco o solo superficialmente) si è talmente assuefatto alla carenza di nitidezza propria del mosaico da trovare "strana" e "innaturale" la nitidezza autenticamente naturale della fotografia, sia essa da pellicola o da Foveon. Ma questo non deve meravigliare, perché la differenza non è cosa da poco: il Foveon, come la pellicola, raggiunge un grado intorno a 0.98, mentre un mosaico senza filtro AA arriva al massimo a 0.32 e se c'è pure questo filtro AA allora non va oltre 0.20/0.24 (a seconda del grado del filtro).

Per essere più precisi, l'assuefazione non è tanto alla mancanza di nitidezza in sé del mosaico, quanto alla pseudo-nitidezza (ossia il cosiddetto "sharpening") artificialmente aggiunta all'immagine prodotta da mosaico, al fine di compensare la carenza di nitidezza reale e ridurre la sensazione di "spalmatura", che se fosse lasciata come esce dal sensore sarebbe molto fastidiosa. Lo sharpening introduce una "sensazione" di nitidezza, che però non è reale, infatti i dettagli che mancano sono persi per sempre e non ritornano magicamente con lo sharpening. Ed ecco che quando invece questi dettagli li vediamo tutti insieme come in effetti sono (in una immagine che proviene da Foveon o da pellicola) ci meravigliamo di essi e ci appaiono "stranieri" a causa della suddetta assuefazione.

Detto questo, per chiudere con una battuta, la situazione mi ricorda quegli italiani nati e cresciuti all'estero e abituati a bere caffè espresso "all'italiana" d'oltre frontiera; i quali, quando finalmente giungono per la prima volta in Italia e bevono il caffè espresso "italiano" e non "all'italiana", affermano istintivamente che "l'espresso italiano" è TROPPO forte, ed impiegano un bel po' di tempo per rendersi conto che è soltanto il loro palato a non esserci abituato. In genere lo capiscono pienamente soltanto quando ritornano all'estero e riportano alla bocca una tazzina di quello "all'italiana"!....  :P


(*) pare che l'uso in italiano del termine "spalmatura" riferito al sensore a mosaico in tale contesto, sia nato proprio in questo forum, anche se adesso tale uso si è diffuso anche all'esterno.
Congelare in una foto l'istante effimero ci permette di estrarlo dall'eternità, non tanto, o non soltanto, per documentarlo, quanto soprattutto per poterlo "ammirare" (anonimo sardo)

SD15+SD10 50/1.4+17-70/2.8-4OS+17-35/2.8-4+Elmarit135/2.8
EM1+GX7+GH1 20/1.7+25/1.4+45/1.8+60/2.8+70/2.8+20-40/2.8+Vario-Elmarit14-50/2.8
X-T10 35/1.4+50/1.2+28/2.8+Sonnar90/2.8+135/2.5+16-50/3.5-5.6+70-200/4Macro
LX100  GXR+evf 50/2.4Macro+28/2.4  Alpha65  S3Pro  Digilux-2