Autore Topic: SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma  (Letto 173 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline carl969

  • Newbie
  • Post: 41
  • Mi è rimasta solo una DP2M
    • Roma
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #15 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 17:25:35 »
Questo problema delle chiazze colore casuali, di cui mi sono accorto quasi subito sulla DP2M, mi porta praticamente a non usare il colore e scattare in bn. Non è così facile eliminarle anche con gli appositi controlli che chiaramente agiscono su tutti i verdi e magenta della foto che vanno poi recuperati al di fuori di SPP.  Ecco questo secondo me è il vero limite di questo sensore. Si sbandiera la capacità di riprodurre fedelmente RGB ma alla fine tutto ciò è vanificato da errore non controllabile. Per il resto vince su tutto.
  • Carlo
     

Offline Lorenzo F.

  • Militant
  • ***
  • Post: 349
    • Calcinato (BS)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #16 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 18:31:15 »
Sinceramente mi sembra un pochino esagerata la tua affermazione, io ho avuto problemi reali e concreti in circa 15 foto su  300 e di queste 15, 10 erano realizzate nella medesima situazione perchè non capivo che cosa stesse accadendo, comunque sia anche volendole considerare tutte, la percentuale è molto ridotta.
Tuttavia sarebbe interessante capire come comportarsi per ridurre l'insorgere di questo rumore cromatico, ancora prima che si verifichi, ossia capire che tipo di utilizzo scorretto lo può provocare o favorire.

Ribadisco che ho avuto finalmente modo di vedere un reale confronto di utilizzo e di risultato tra la mia vecchia D90 e la mia nuova SDQ riguardo alle foto di montagna.
In tutta onestà ti dico anche considerando la scarsa percentuale di insorgenza di questo difetto... macchissenefrega, non tornerei più indietro e se non per esigenze e/o limitazioni specifiche non aggirabili (che attualmente non trovo) non tornerei nemmeno ad un Bayer.
Considero solo che delle 300 foto fatte, quasi 200 sono dei piccoli capolavori che ho scelto di non pubblicare perchè simili fra loro, prima il rapporto era 1/10 vero che in 2 anni di studio la mia tecnica è cambiata, il resto però è solo merito del Foveon.
Detto ciò, sminuire così dei numeri simili mi sembra azzardato.
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline sergiozh

  • Militant
  • ***
  • Post: 276
  • DP2M
    • Svizzera
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #17 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 18:53:58 »
A me sembra strano che non siano riusciti ad eliminare il problema visto che se lo portano dietro da sempre.

Offline EXCEL

  • Militant
  • ***
  • Post: 320
    • Germany
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #18 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 19:07:21 »
sul merrill poteva capitare, ma sulla Q ho l'impressione che capiti più spesso.
Ad ogni modo il cursore per la riduzione del rumore di crominanza funziona molto bene e non impasta come quello di luminanza, che va tenuto tassativamente a zero
SD1 Merrill 18-35ART  24-105ART
Panasonic LX100
Ricoh GR II

robertomonachello.com

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.265
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #19 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 19:10:58 »
Citazione
A me sembra strano che non siano riusciti ad eliminare il problema visto che se lo portano dietro da sempre.
Visto che se lo portano dietro da sempre, a me sembra evidente che non si possa eliminare il problema.

Ogni sistema ha le sue "luci" e le sue "ombre": il Bayer la velocità e versatilità, il foveon la qualità ed il dettaglio a parità di densità di pixel.... il Bayer l'interpolazione, il foveon il rumore cromatico.... nessuno dei due sistemi si può definire totalmente superiore. Un professionista scrupoloso li userebbe entrambi a seconda del soggetto e delle circostanze di ripresa.
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5_Apo__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.265
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #20 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 19:14:11 »
Citazione
Ad ogni modo il cursore per la riduzione del rumore di crominanza funziona molto bene e non impasta come quello di luminanza, che va tenuto tassativamente a zero
Lo zero di ognuno di quei controlli è "tutto a sinistra".  ;)
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5_Apo__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline Lorenzo F.

  • Militant
  • ***
  • Post: 349
    • Calcinato (BS)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #21 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 19:38:28 »
Prova effettuata,
Solo per il fatto di aver aperto l'X3F con SPP il rumore digitale relativo al colore viene attenuato, se poi si agisce sul cursore di riduzione spostandolo anche solo a metà scala, il rumore scompare ed i toni globali della foto rimangono ragionevolmente coerenti con l'originale.


La domanda che mi frulla in testa è?
Come comportarsi in modo da evitare che compaia o quantomeno cercare di ridurlo già in fase di scatto?
Fermo restando il fatto che è presente in una percentuale ridottissima di foto ed è emerso in foto eseguite in condizioni di illuminazione proibitiva in cui altre macchine fotografiche avrebbero sfornato foto sicuramente peggiori e comunque non recuperabili.
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.265
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #22 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 21:39:13 »
Citazione
Come comportarsi in modo da evitare che compaia o quantomeno cercare di ridurlo già in fase di scatto?
Usare valore iso più basso possibile compatibilmente con il contrasto della scena e non affidarsi al jpeg perché il sw in camera dispone solo delle correzioni elencate nel menù, per cui ciò che si perde usando quel formato non può essere più recuperato.
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5_Apo__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline Lorenzo F.

  • Militant
  • ***
  • Post: 349
    • Calcinato (BS)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #23 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 21:44:17 »
Ok peccato che non ci sia altro, nel senso che gli ISO li tengo sempre a 100 salvo rarissime occasioni.
Comunque è vero sviluppando in RAW il problema anche su immagini parecchio rovinate è quasi irrisorio.


Dici sia possibile che sia sia verificato perchè la macchina si era scaldata essendo stata saltuariamente esposta al sole?
La prova del nove la avrò quest'estate quando e se riuscirò a fare qualche scatto in Puglia.
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline EXCEL

  • Militant
  • ***
  • Post: 320
    • Germany
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #24 il: Mercoledì, 26 Aprile 2017, 21:52:20 »
Citazione
Ad ogni modo il cursore per la riduzione del rumore di crominanza funziona molto bene e non impasta come quello di luminanza, che va tenuto tassativamente a zero
Lo zero di ognuno di quei controlli è "tutto a sinistra".  ;)

giusto, hai fatto bene a precisarlo, in effetti qualcuno leggendomi sarebbe caduto in errore  :si:
SD1 Merrill 18-35ART  24-105ART
Panasonic LX100
Ricoh GR II

robertomonachello.com

Offline carl969

  • Newbie
  • Post: 41
  • Mi è rimasta solo una DP2M
    • Roma
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #25 il: Giovedì, 27 Aprile 2017, 00:14:20 »
La domanda che mi frulla in testa è?
Come comportarsi in modo da evitare che compaia o quantomeno cercare di ridurlo già in fase di scatto?
Ecco questo è interessante...

Citazione da: Lorenzo F.
Fermo restando il fatto che è presente in una percentuale ridottissima di foto ed è emerso in foto eseguite in condizioni di illuminazione proibitiva in cui altre macchine fotografiche avrebbero sfornato foto sicuramente peggiori e comunque non recuperabili.
Buon per te, ma nel mio caso la verdura sul travertino ( :) ) è cresciuta in una foto scattata di pomeriggio in condizioni di luce assolutamente normali e in una zona della foto che non è neanche in ombra. Di qui le mie perplessità...
Vedi: http://forum.foveon.it/index.php?topic=5244.msg41476#msg41476

L'unica cosa che mi viene in mente è che ISO 200 potrebbe aver avuto la sua influenza...
  • Carlo
     

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.265
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:SD Quattro e riduzione colori delle immagini fantasma
« Risposta #26 il: Giovedì, 27 Aprile 2017, 11:14:10 »
Citazione
L'unica cosa che mi viene in mente è che ISO 200 potrebbe aver avuto la sua influenza...
Certamente! Duecento iso equivalgono ad una sottoesposizione di 1 EV, così il rapporto segnale/rumore si riduce.... però occorre fare i conti con il contrasto della scena, cioè l'intensità delle luci presenti nell'inquadratura per cui non sempre è possibile l'uso dell'esposizione nominale. 
Per quanto riguarda la temperatura del sensore non è sufficiente considerare quella dell'aria ma anche quella di uno scatto, o degli scatti immediatamente precedenti, che possono avere preriscaldato il sensore, o anche la prolungata permanenza della fotocamera nelle mani (36°C).
In inverno, specialmente nel caso di notturni su treppiede, sarebbe opportuno (dopo aver impostato l'inquadratura e i valori di scatto) spegnere la camera e lasciarla raffreddare per una decina di minuti prima di eseguire lo scatto.
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5_Apo__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.