Autore Topic: Primi passi con SPP  (Letto 1282 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Silvia V

  • Militant
  • ***
  • Post: 425
  • - DP3M -
    • milano
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Primi passi con SPP
« il: Martedì, 20 Settembre 2016, 15:19:06 »

Argh!
Eccomi alle prese con i primi file da lavorare con SPP in modo da iniziare a prendere confidenza prima che arrivi la mia bella.
In questi due mesi ho letto silenziosamente nel forum diversi interventi anche su SPP in modo da iniziare a farmi un'idea di massima ma, comunque, sono abbastanza spaesata e ho già qualche dubbio iniziale.

Prima di tutto ho cercato in rete il manuale di SPP ma pare non esserci traccia del manuale aggiornato. Mi è stato detto di provare a chiedere a m-trading.it e così ho fatto ma, in attesa di una eventuale risposta, se qualcuno lo avesse in pdf o sapesse dirmi dove trovarlo... :con:

Ho comunque iniziato a leggere quello della versione 4.1 (il più aggiornato che ho trovato) e mi pare di capire che non posso intervenire con modifiche localizzate, o sono io che non ho visto bene?

Avevo già letto che non è possibile in SPP raddrizzare o tagliare la foto per cui avevo già idea di sistemare curva e luci su SPP e poi salvare in jpeg. Ho letto infatti che operando già correttamente sulla curva in SPP nelle modifiche che farò poi non perdo informazioni e qualità e posso poi lavorarci in camera raw.
Quello che non sarebbe male, però, è concludere tutto lo sviluppo su SPP quando non ci sono tagli o linee da raddrizzare ma intervenire su una sola zona dell'immagine nelle foto di food è per me importante. Usualmente uso il pennello di regolazione (e a volte  filtro graduato, filtro radiale). Chi usa o ha usato sia SPP che Camera raw sa dirmi se ci sono delle funzioni corrispondenti?

  • Silvia
     
DP3 Merril
Nikon D700
Olympus OMD em1
Nikon F2

"L'inizio è solo un seguito ed il libro degli eventi è sempre aperto a metà"

Offline EXCEL

  • Militant
  • ***
  • Post: 358
    • Germany
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #1 il: Martedì, 20 Settembre 2016, 15:41:36 »
niente interventi zonali purtroppo...

ad ogni modo lavori in modo corretto, ossia modificando la curva in SPP.
SD1 Merrill 18-35ART  24-105ART
Ricoh GR II + GW-3 21mm f2.8

robertomonachello.com

Offline Silvia V

  • Militant
  • ***
  • Post: 425
  • - DP3M -
    • milano
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #2 il: Martedì, 20 Settembre 2016, 15:57:42 »
niente interventi zonali purtroppo...

ad ogni modo lavori in modo corretto, ossia modificando la curva in SPP.

grazie, ok, basta saperlo. Allora mi concentro sull'imparare a gestire e modificare correttamente le luci su spp

Per quanto riguarda il manuale chiedo venia: non mi ero accorta che cliccando "aiuto" su spp si apriva proprio un pdf
  • Silvia
     
DP3 Merril
Nikon D700
Olympus OMD em1
Nikon F2

"L'inizio è solo un seguito ed il libro degli eventi è sempre aperto a metà"

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.301
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #3 il: Martedì, 20 Settembre 2016, 16:54:24 »
In ogni caso, difficilmente si potrà fare a meno di un editor generico (PS o simili), anche solo per gli ultimi ritocchi.
L'importante è ottenere un'immagine in cui non ci sia stata una limitazione di gamma tonale sulle luci né delle ombre troppo chiuse, il "Fill Light" in senso positivo è un controllo molto efficace per il recupero delle ombre a patto di non abusarne (un valore superiore a +0.3-0.4 potrebbe rendere visibile la sgradevole sfumatura della maschera zonale. Lo stesso controllo in senso negativo potrebbe invece progressivamente mascherare le imperfezioni del viso nei ritratti femminili e, al limite, procurare un'atmosfera onirica.
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline Silvia V

  • Militant
  • ***
  • Post: 425
  • - DP3M -
    • milano
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #4 il: Martedì, 20 Settembre 2016, 17:37:57 »
In ogni caso, difficilmente si potrà fare a meno di un editor generico (PS o simili), anche solo per gli ultimi ritocchi.
L'importante è ottenere un'immagine in cui non ci sia stata una limitazione di gamma tonale sulle luci né delle ombre troppo chiuse, il "Fill Light" in senso positivo è un controllo molto efficace per il recupero delle ombre a patto di non abusarne (un valore superiore a +0.3-0.4 potrebbe rendere visibile la sgradevole sfumatura della maschera zonale. Lo stesso controllo in senso negativo potrebbe invece progressivamente mascherare le imperfezioni del viso nei ritratti femminili e, al limite, procurare un'atmosfera onirica.

ok grazie Italo, molto chiaro. Facendo qualche prova mi pare che SPP sia comunque piuttosto lineare, essenziale, in linea con l'idea che mi sono fatta anche delle macchine Sigma. Ora attendo di fare le prove sul campo.
  • Silvia
     
DP3 Merril
Nikon D700
Olympus OMD em1
Nikon F2

"L'inizio è solo un seguito ed il libro degli eventi è sempre aperto a metà"

Offline Sardosono

  • Global Moderator
  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.128
    • Casteddu
    • Mostra profilo
    • Italian Foven Community
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #5 il: Martedì, 20 Settembre 2016, 21:51:51 »
Chi proviene dal mosaico è abituato a non fare una netta distinzione fra "sviluppo" e "fotoritocco" (più propriamente "editing"), in quanto la maggior parte dei software che fanno sviluppo consentono anche una certa misura di editing e viceversa (in realtà in genere sono software differenti, ma il passaggio da uno all'altro è trasparente per l'utente che neanche se ne accorge). Invece SPP fa soltanto quello per cui è nato, ossia il solo sviluppo. Ma il punto è che questo sviluppo dei RAW Foveon lo fa molto ma molto meglio di qualunque altro software, quindi se si vuole tirar fuori dal RAW tutta la potenzialità del Foveon è assolutamente obbligatorio passare da SPP per qualunque intervento che intervenga, direttamente o indirettamente, sulla curva di distribuzione delle luci, che è esattamente quello che significa realmente il concetto di "sviluppo di un RAW".

Insomma, per lo sviluppo SPP è impagabile, per tutto il resto c'è MasterQuelCheTiPare!  :gh:
Congelare in una foto l'istante effimero ci permette di estrarlo dall'eternità, non tanto, o non soltanto, per documentarlo, quanto soprattutto per poterlo "ammirare" (anonimo sardo)

SD15+SD10 50/1.4+17-70/2.8-4OS+17-35/2.8-4+Elmarit135/2.8
EM1+GX7+GH1 20/1.7+25/1.4+45/1.8+60/2.8+70/2.8+20-40/2.8+Vario-Elmarit14-50/2.8
X-T10 35/1.4+50/1.2+28/2.8+Sonnar90/2.8+135/2.5+16-50/3.5-5.6+70-200/4Macro
LX100  GXR+evf 50/2.4Macro+28/2.4  Alpha65  S3Pro  Digilux-2

Offline BeSigma

  • Occhi profondi per vedere il vero
  • Global Moderator
  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.068
    • Sardinia Nation
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #6 il: Domenica, 25 Settembre 2016, 13:20:02 »
Anche io in linea di massima ottengo 90% del file finito su spp.... regolando luci, ombre, rumore e colore.... oltre che intervenire sul Fill Light se necessario.... il RAW Sigma consente (con una certa confidenza ed esperienza) recuperi impensabili per qualsiasi altro RAW (diciamo che puoi arrivare a recuperare ben oltre i 2 stop di esposizione senza rovinare il file).
Ci vuole pazienza e un occhio allenato, questo ti consentirà anche di superare il problema del valore iso di sigma (praticamente metterti al riparo dal micromosso, esposizione ci potrai pensare dopo entro certi limiti)... son certo che in questo non tutti saranno concordi, ma ho tantissimi esempi pratici e un bel po di esperienza di viaggio con la sola SD al groppo.

Quello che dovrai fare esternamente è ritaglio e raddrizzamente se necessario..... e io tendo sempre a fare una verifica del colore.... usando sigma ci abituiamo troppo ad alcune varianti tonali spesso sbagliate, quindi bisogna sempre essere scettici e avere conferma prima di salvare.....
Il passaggio da SPP ad altro editor lo faccio in JPEG, io ad esmpio uso AcDsee Ultimate

Ad ogni modo, non esitare a chiedere il confronto, qui il 90% delle persone hanno già sbattuto il muso su quasi tutto i problemi tu possa incontrare...

:)
come se... ridendo dei miei demoni, tenessi fra le mani gli angeli...
SD9 + SD10 + SD14 + SD15 + SD1 + Dp1s + Ottiche serene variabili

http://www.flickr.com/photos/matlin78/
http://500px.com/BeSigma

Offline conla

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.160
    • Piemonte
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #7 il: Giovedì, 24 Novembre 2016, 11:01:10 »
mi aggancio al topic di silvia ... partiamo dalla base che non esiste un manuale giusto? se non esiste facciamolo noi del forum su spp... che ne dite? ad esempio io con la dp2s non ho le variabili chroma e luminance .... cosa fanno e a cosa servono?

CRISigma :si:

Offline Silvia V

  • Militant
  • ***
  • Post: 425
  • - DP3M -
    • milano
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #8 il: Giovedì, 24 Novembre 2016, 12:32:03 »
Ignazio leggo solo ora la tua risposta  :azz:  :bb:
Ma ne approfitto subito per farti e farvi uno dei domandoni classici  :)) di cui già mi scuso perchè per voi sarà trito e ritrito ma sia nei vecchi post che nelle prove che ho fatto non ho una risposta certa da darmi: ste diavolo di dominanti verdi nelle ombre è meglio toglierle già su SPP? se sì, come?
  • Silvia
     
DP3 Merril
Nikon D700
Olympus OMD em1
Nikon F2

"L'inizio è solo un seguito ed il libro degli eventi è sempre aperto a metà"

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.301
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #9 il: Giovedì, 24 Novembre 2016, 15:52:47 »
Citazione
... le variabili chroma e luminance .... cosa fanno e a cosa servono?
Come mai il tuo SPP non è stato tradotto in automatico? Che OS usi?
Quei due controlli fanno parte rispettivamente del pannello "Riduzione del Rumore" che, sia per il colore (chroma) che in luminanza (grana bn), come valore di default sono posizionati al centro.
Se si vuole togliere completamente la riduzione di rumore di uno o più controlli basta spostarli all'estrema sinistra, oppure all'estrema destra se si vuole la massima attenuazione del rumore. Bisogna però considerare che l'applicazione di una forte dose di NR, specialmente quella di luminanza, riduce la lettura dei dettagli.

Citazione
ste diavolo di dominanti verdi nelle ombre è meglio toglierle già su SPP? se sì, come?
Le chiazze verdi (generalmente gemellate con chiazze magenta) non sono una dominante (che interesserebbe l'intera immagine) ma "rumore cromatico" tipico nelle zone con scarsa esposizione. Credo che il controllo "Rumore di banda" sia destinato all'attenuazione/eliminazione di questo tipo di rumore ma nutro seri dubbi sulla sua efficacia. Un altro modo per eliminare queste chiazze sarebbe quello di usare la "Saturazione selettiva" in PS o simili, selezionando con precisione quel colore per poi desaturarlo quanto basta, ma questo sarà possibile solo se il soggetto non avrà zone "legittime" di colore verde o magenta.
 
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline Silvia V

  • Militant
  • ***
  • Post: 425
  • - DP3M -
    • milano
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #10 il: Giovedì, 24 Novembre 2016, 18:01:20 »

Le chiazze verdi (generalmente gemellate con chiazze magenta) non sono una dominante (che interesserebbe l'intera immagine) ma "rumore cromatico" tipico nelle zone con scarsa esposizione.

Ah, ecco,  :-[ chiaro  :si: non mi era mai capitato con altre macchine o, almeno, non ci avevo mai fatto caso

Credo che il controllo "Rumore di banda" sia destinato all'attenuazione/eliminazione di questo tipo di rumore ma nutro seri dubbi sulla sua efficacia.

Ci provo anche se io non uso molto i comandi di riduzione rumore, nemmeno in CMR, per preservare i dettagli.

Un altro modo per eliminare queste chiazze sarebbe quello di usare la "Saturazione selettiva" in PS o simili, selezionando con precisione quel colore per poi desaturarlo quanto basta, ma questo sarà possibile solo se il soggetto non avrà zone "legittime" di colore verde o magenta.
 

E' così che ho faccio ma mi era venuto il dubbio di poterlo fare (e magari meglio) anche su SPP

Grazie mille Italo, sempre preziosissimo  :)
  • Silvia
     
DP3 Merril
Nikon D700
Olympus OMD em1
Nikon F2

"L'inizio è solo un seguito ed il libro degli eventi è sempre aperto a metà"

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.301
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #11 il: Giovedì, 24 Novembre 2016, 18:28:36 »
Citazione
Ci provo anche se io non uso molto i comandi di riduzione rumore, nemmeno in CMR, per preservare i dettagli
Solo quello di luminanza (bn) riduce il dettaglio.
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline conla

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.160
    • Piemonte
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #12 il: Giovedì, 24 Novembre 2016, 19:04:11 »
Grazie per la risposta ... Mac OS in inglese
CRISigma :si:

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • *****
  • Post: 5.301
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #13 il: Giovedì, 24 Novembre 2016, 19:19:29 »
Citazione
... Mac OS in inglese
Ah.. OK!  ;)
Sigma DP2m+DP3m+SD10_17-70:2,8-4,5__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Offline famarm

  • Junior
  • *
  • Post: 90
  • DP123 Merril
    • Arezzo
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Primi passi con SPP
« Risposta #14 il: Giovedì, 29 Dicembre 2016, 16:14:47 »
Io ho trovato utile anche questa guida:

http://sigma-rumors.com/articles/sigma-photo-pro-processing-guide/

Mi piacerebbe anche un confronto sul workflow che utilizzate su SPP.

grazie