Autore Topic: Ansel Adams e le sue zone.....!  (Letto 112 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Lorenzo F.

  • Militant
  • ***
  • Post: 352
    • Calcinato (BS)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Ansel Adams e le sue zone.....!
« il: Martedì, 14 Marzo 2017, 20:39:59 »
Sto "provando" ad applicare il Sistema zonale  di Ansel Adam per valutare innanzitutto che differenze ci sono scattando con TTL "Spot" tra la zona intermedia da me definita e quella calcolata dal sistema TTL dell'esposimetro on camera con lettura impostata in matrix.


Farlo a mano è complicatino, ma offre un controllo completo sulla gestione dell'esposizione, per ora i risultati di quando scelgo una zona intermedia per la taratura sono molto simili a quelli offerti dall'esposimetro, ma acquisire la padronanza del sistema è un altro livello di difficoltà.


Qualcuno di voi ci ha mai provato, avete qualche dritta?.....diritta! :D [size=78%]  [/size]
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Online steno

  • Militant
  • ***
  • Post: 287
    • emilia
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Ansel Adams e le sue zone.....!
« Risposta #1 il: Martedì, 14 Marzo 2017, 21:13:10 »
Sto "provando" ad applicare il Sistema zonale  di Ansel Adam per valutare innanzitutto che differenze ci sono scattando con TTL "Spot" tra la zona intermedia da me definita e quella calcolata dal sistema TTL dell'esposimetro on camera con lettura impostata in matrix.


Farlo a mano è complicatino, ma offre un controllo completo sulla gestione dell'esposizione, per ora i risultati di quando scelgo una zona intermedia per la taratura sono molto simili a quelli offerti dall'esposimetro, ma acquisire la padronanza del sistema è un altro livello di difficoltà.


Qualcuno di voi ci ha mai provato, avete qualche dritta?.....diritta! :D [size=78%]  [/size]

Ah ah !

La didattica di Adams affascinava , ma la concretezza delle nostre camere oscure,da ragazzi,  ricavate nel cesso di casa cozzava  con l'idealita' della sua (che poi era concretissima , era "ideale" per gli altri...)
Quanto eravamo scemi...!
E' stato un Maestro virtuale ma ha sparso piu confusione a migliaia di fotografi che praticita' ...
Era un maniaco.Anche.
Ma un maniaco geniale.
Occhio a diventare anche tu un maniaco, a meno che anche tu non sia geniale ;)

Sul digitale lo trovo molto vintage applicare il zonale.
Comunque dentro  questi libri che posto  c'e' tutto sul sistema, comprese le foto della sua iperbolica camera oscura ,dei suoi ingranditori a camme e via discorrendo.
Una pacchia averli gia' letti e NON DOVER rifarlo>! O:-)

  • S.
     

Online steno

  • Militant
  • ***
  • Post: 287
    • emilia
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Ansel Adams e le sue zone.....!
« Risposta #2 il: Martedì, 14 Marzo 2017, 21:38:25 »
Sto "provando" ad applicare il Sistema zonale  di Ansel Adam per valutare innanzitutto che differenze ci sono scattando con TTL "Spot" tra la zona intermedia da me definita e quella calcolata dal sistema TTL dell'esposimetro on camera con lettura impostata in matrix.


Farlo a mano è complicatino, ma offre un controllo completo sulla gestione dell'esposizione, per ora i risultati di quando scelgo una zona intermedia per la taratura sono molto simili a quelli offerti dall'esposimetro, ma acquisire la padronanza del sistema è un altro livello di difficoltà.


Qualcuno di voi ci ha mai provato, avete qualche dritta?.....diritta! :D [size=78%]  [/size]

In ogni caso il zonale da 0 a X di adams diventava poi (detto da LUI ) un reale I-IX...
Che poi ,passando da 'Il Negativo' a 'La Stampa' lo faceva diventare un molto piu' realistico zona II-VIII...
Se avesse scritto un altro libro avrebbe contratto il sistema a SEI zone secondo me ;)
Guarda questa foto di una pagina (patinata) fatta VOLUTAMENTE alla c. di cane  a qualche migliaio di iso sotto una lampada e dimmi se non riconosci benissimo il passaggio delle zone dalla due alla sette .
E ci sarebbero ANCHE le luci ,se solo avessi fotografato con un MINIMO di attenzione ai riflessi...
Quindi di cosa stiamo parlando?
Setto la ricoh a qualche migliaio di iso in esposizione automatica e mi restituisce TUTTA la gamma di estensione...
Di COSA stiamo parlando? ^-^
Alla larga dal zonale. ;)
  • S.
     

Offline conla

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.049
    • Piemonte
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Ansel Adams e le sue zone.....!
« Risposta #3 il: Martedì, 14 Marzo 2017, 22:24:18 »
  era un mago della camera oscura oggi sarebbe un mago di photoshop giusto?
CRISigma :si:

Online Lorenzo F.

  • Militant
  • ***
  • Post: 352
    • Calcinato (BS)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Ansel Adams e le sue zone.....!
« Risposta #4 il: Martedì, 14 Marzo 2017, 22:30:00 »
Come darti torto.
Ma se ti dessi ragione tòto, dovrei smettere di utilizzare l'esposimetro, dato che iddu funziona grazie a quella regola.


Non farò mai a meno dell'esposimetro e delle agevolazioni tecnologiche che sono nate grazie a questi pionieri ed alle loro teorie dettate da tante prove sul campo, ma ritengo che conoscere queste teorie possa essere molto utile in quelle situazioni nella quali un calcolatore automatico restituisce un errore o offre un risultato che io cerco; in quel caso, chi conosce la teoria saprà comunque  destreggiarsi.


Restando sul poetico, aggiungo che non voglio capire ed imparare ad applicare per un mero accanimento, ma lo considerò quasi un tributo.
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Online steno

  • Militant
  • ***
  • Post: 287
    • emilia
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Ansel Adams e le sue zone.....!
« Risposta #5 il: Mercoledì, 15 Marzo 2017, 20:41:25 »
  era un mago della camera oscura oggi sarebbe un mago di photoshop giusto?

Se lo chiedi a me non concordo. :no:
Era una grande fotografo certamente ...
A suo modo rivoluzionario ,basta leggersi un po' di storia della fotografia e dell'ambiente intellettuale che frequentava ,coi migliori della sua generazione ,weston compreso.(gruppo f/64... e il nome gia' la dice lunga su come vedono il mondo...)
Secondo me , di sicuro, non avrebbe amato le compatte tanto meno  photoshop...
A quel livello li' c'e' una "mistica della purezza fotografica" che lèvati...., per quello che l'o' definito MANIACO, non certo per spregio...
E' stato un punto di riferimento generazionale mica per l'aria che tira....
Ma aveva ,sempre mio parere, un'approccio un po' troppo elitario alla fotografia...
Viaggiava con gli 'sherpa' ,coi muli, coi furgoni carichi di attrezzature.
Ma aveva anche buone spalle: kilometri con zaino treppiede ,grande formato ,lastre ecc ecc...
La sua frase storica: porto tutta l'attrezzatura che riesco a trasportare ...
Insomma non era un minimalista di sicuro...


C'e' un discreto docu-film in lingua inglese scaricabile da qualche parte sul web che lo racconta splendidamente.
Idiosincrasie comprese... ::)
Il sistema zonale applicato al digitale comunque e' un pacco.
Pare mio ,ribadisco ,del tutto personale, ma un minimo so di cosa parlo...
E' bello comunque studiarlo e capirlo?
Fuori dal processo pellicola-stampa la vedo dura far quadrare i conti....
ma anche l'aramaico antico e la turbodinamica sono interessanti da studiare... :gh:
A me studiarlo e con tutto il rispetto ,capirlo, non mi ha cambiato la vita, fotograficamente parlando, piu' della scoperta di Robert frank, della arbus, di giacomelli e della possibilita' di paradigmi fotografici meno 'ingabbiati' ...





  • S.
     

Offline conla

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.049
    • Piemonte
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Ansel Adams e le sue zone.....!
« Risposta #6 il: Mercoledì, 15 Marzo 2017, 21:02:05 »
grande steno ... bei pensieri ...  :)
CRISigma :si: