Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Primo Contatto / Re:grazie - indirettamente - al foveon
« Ultimo post da pacific palisades il Oggi alle 18:04:31 »
Gentili Foveonisti, vi ringrazio perché per la prima volta negli ultimi 10-15 anni, leggendovi, non mi sono sentito un alieno. Provo a spiegarmi, se avete tempo e voglia leggetemi altrimenti passate oltre. Non so se questo è il luogo giusto per il topic: diciamo che sono considerazioni stimolate dal vostro approccio alla fotografia che mi sembra trovare nel foveon uno stimolo attuale.
Non sono un fotografo ma uno dei tanti che fa foto in giro, in viaggio, in famiglia e ha il desiderio di farle al meglio, senza per questo aver fatto della fotografia la missione della sua vita.
In pellicola ho sempre fatto diapositive perché ho capito che, trovato un buon laboratorio di sviluppo, è l’unico modo di facile accesso (insieme al B&N autogestito, nel quale ogni tanto mi cimento) per avere riscontro del proprio modo di fotografare (nessuno stravolgimento interpretativo su esposizione, dominanti ecc..). Dieci anni fa circa – dopo un periodo di scarsa attività fotografica – mi accorgo improvvisamente che qualcosa è cambiato: le riviste di geografia, che amavo leggere anche per la qualità delle fotografie, iniziano a pubblicare foto dai colori scialbi, molto “dettagliate” ma nel complesso poco godibili. Non fa eccezione NG ma anche per quelle italiane è lo stesso. Mi accorgo, dalle riviste specializzate, che ormai il mondo è digitale. Ok, c’è pellicola e vado avanti fino al 2013 con le mie dia e un po di B&W. Nel 2103 (la Kodak cessa la elitechrome) compero la Fuji xE1 che sembra promettere una resa simile all’analogico; leggo le recensioni, le immagini che trovo in giro non mi convincono fino in fondo - come tutte le altre (per carità, la qualità del digitale è andata migliorando): i colori, la resa agli estremi della gamma dinamica ad esempio – malgrado chi recensisce è entusiasta di tutto, ponendo l’attenzione su aspetti che mi interessano meno (il famoso bokeh e altro). Ad esempio, nei ritratti che accompagnano la recensione degli obiettivi , laddove la luce è diretta (non necessariamente frontale)  e gira intorno al volto (che, come tutte le superfici curve, offre nell’insieme un gradiente di riflessione) le parti più illuminate diventano evanescenti . Esempio

https://fujifilmblog.files.wordpress.com/2017/09/f7069724-747a-11e7-a760-047d7be9fa86.jpeg

Mi chiedo: forse è una nuova estetica a cui non sono abituato?
Fotografo con la nuova macchina, prima solo in jpeg, poi mi avventuro nel Raw, ma malgrado tutto mi sembra sempre che manchi qualcosa.
Rivedo stampe in cibachrome di foto fatte anni prima, senza alcuna pretesa, solo ricordi di viaggio, e mi sembrano sempre belle (nel senso che sono gratificanti sul piano cromatico e di nitidezza: eppure non usavo ne pellicole né attrezzature al top).
Sulle riviste di geografia di oggi il livello è aumentato ma la pienezza del colore (che mi sembra si chiami correttamente “profondità”) è sostituita dalla saturazione e, come ampiamente letto sul forum, la nitidezza da sofisticazioni tipo sharping. I pappagalli tropicali, conosciuti sulle vecchie riviste, ora sono superdefiniti nei dettagli e coloratissimi ma…disturbano la vista. Della profondità del colore non si parla quasi mai nelle recensioni (ero incappato in questo concetto nella recensione della LEICA m8, parecchi anni fa). Mi sembra che chi recensisce porta l’attenzione dove gli argomenti sono già esibiti dal produttore e dove porta il mercato: il numero di pixel, la velocità operativa ecc. ecc. Le foto di riferimento per i confronti tra sensori sono: etichette di bottiglie di scotch ingrandite al 100%, circuiti stampati con microcomponenti elettronici e amenità del genere.
Ora non so se il Foveon incontrerà i miei gusti o se sarò capace di utilizzarlo per quello che vale: resta il fatto che quello che scrivete mi ha ridato fiducia nelle mie capacità di critica.
Ho letto che qualcuno di voi (Italo?) utilizza o ha utilizzato per il PC, almeno fino al 2015, il monitor catodico e ho pensato: allora non sbagliavo a non voler rottamare il vecchio televisore (poi lo ho fatto per guasti di difficile riparazione) per sostituirlo con un LCD la cui resa è solo apparentemente migliore...
Basta, non vi annoio più. Buone foto.

Sì, è una nuova estetica a cui non siamo abituati.
2
Attrezzature / Re:SD10 mia...!
« Ultimo post da Silvercat56 il Oggi alle 16:33:58 »
Provato a fare un doppio format da Linux?
Format ext3 o 4, la espelli poi la reinserisci e formatti NTFS, o direttamente fat32.
Puoi provare a cancellare le partizioni con gParted
chissà....
3
Attrezzature / Re:SD10 mia...!
« Ultimo post da Lorenzo F. il Oggi alle 16:04:23 »
Perdonatissimo e comunque chiarissimo, nonostante tutto, non ne vuole sapere, quando provò a formattarla "On camera" restituisce Errore code 101 (sul manuale non ho trovato alcun riferimento)
Ho anche provato a modificare e rifare da zero la partizione della scheda, ma nulla di fatto, poteri comprarne un’altra, ma ormai è una questione di principio, ci devo riuscire.... avete suggerimenti?
4
Attrezzature / Re:Provare la SDQ a 6400 iso Low Res?
« Ultimo post da Lorenzo F. il Oggi alle 09:27:08 »
Purtroppo in questo periodo non ho tempo durante il giorno, prometto che la riprenderò in mano per qualche bello scatto, ultimamente l'unica che la usa é mia moglie
Ok ritornando in topic', l'ultima foto é sovraesposta in confronto alle altre perché dalla penultima all'ultima foto sono balzato da 2000 a 6400 iso hihihi ma il post produzione tutti i valori sono stati tirati a -2
5
Attrezzature / Re:SD10 mia...!
« Ultimo post da Silvercat56 il Oggi alle 07:34:30 »
... il "trucco" consiste nel costringere la fotocamera a formattare DA ZERO la scheda di memoria, ma di solito questo non avviene perché la fotocamera cerca finché è possibile di rispettare la struttura di partizionamento che riconosce, evitando di reimpostarla...
Perdonatissimo, la spiegazione è stata molto chiara e molto utile; una situazione di cui non ero a conoscenza e che mi ha dato grattacapi anche a livello PC con le chiavette USB, passandole da Win a Linux e viceversa.
6
Attrezzature / Re:SD10 mia...!
« Ultimo post da Silvercat56 il Oggi alle 07:32:01 »
So un piccolo trucco: lo formatta in Windows con NTFS. Nella fotocamera vi darà errore: lo formattate nella fotocamera, et voilà! Per me è risultato con un CF da 16 Gb in SD14. Buona fortuna!
Grazie Josè, questo trucchetto non lo conoscevo proprio e ne terrò da conto, non si sa mai :si:
7
Attrezzature / Re:Provare la SDQ a 6400 iso Low Res?
« Ultimo post da elerum il Oggi alle 05:36:07 »
A me dalle immagini su db e sembrato che hai lavorato con la macchina in manuale con tempo e diagramma fissi variando gli iso.
PS non ho scaricato i file per accertare , ho solo notato che ultimo file era sovraesppsto.

PPS ma usare le macchine per fare qualche bella foto piuttosto che stare sempre a fare i test no eh  :gh:
8
Attrezzature / Re:SD10 mia...!
« Ultimo post da Sardosono il Oggi alle 00:14:19 »
Adesso non ho modo di controllare la mia SD10, perché al momento è in un borsone che non ho voglia di tirare giù dall'armadio, però mi sembra di ricordare di aver usato anche le 4GB.

Comunque in questi casi la procedura migliore è proprio quella suggerita da @Joserri. Infatti, il "trucco" consiste nel costringere la fotocamera a formattare DA ZERO la scheda di memoria, ma di solito questo non avviene perché la fotocamera cerca finché è possibile di rispettare la struttura di partizionamento che riconosce, evitando di reimpostarla. Se, però, inserisco la scheda con una struttura di formato che la fotocamera non conosce proprio (come appunto la NTFS oppure la EXT3 o EXT4 di Linux), ecco che la fotocamera si trova "costretta" a formattare la scheda da zero, ossia re-impostando completamente la struttura.

In pratica, il problema nasce da una struttura FAT non standard (cosa molto frequente), che in genere funziona lo stesso ma non sempre, specie quando il software/firmware è più vecchio e con conosce quella particolare variante FAT non standard. L'inconveniente si risolve semplicemente reimpostando interamente la struttura della partizione, ma il punto è che raramente i software consentono di forzarne la reimpostazione, ma si limitano ad una cosiddetta "formattazione veloce".

Attenzione che questo problema di mancata reimpostazione della struttura non riguarda soltanto le fotocamere, ma è di carattere generale. Anche sotto Windows o OSX o Linux può capitare di non venirne a capo con la FAT, persino impostando la formattazione integrale (perché in realtà non è davvero del tutto integrale). Pertanto, l'unico modo per tagliare la testa al toro è quello di formattare la scheda con una struttura che non abbia nulla in comune con la FAT (per esempio NTFS), così in questo modo per ri-formattarla di nuovo come FAT sarà necessario re-impostare anche tutta la struttura da zero.

PS Mi rendo conto di aver scritto in modo molto confusionario, cosa che non è mio solito, ma sono molto stanco e spero che per una volta mi vorrete perdonare.
9
Attrezzature / Re:SD10 mia...!
« Ultimo post da Joserri il Ieri alle 23:10:04 »
So un piccolo trucco: lo formatta in Windows con NTFS. Nella fotocamera vi darà errore: lo formattate nella fotocamera, et voilà! Per me è risultato con un CF da 16 Gb in SD14. Buona fortuna!
10
Immagini / Re:Uova che rompono tremendamente nella notte
« Ultimo post da Joserri il Ieri alle 22:48:33 »

Non può morire chi non è mai nato, quindi l'unica pecca è di essere andato a dormire a stomaco vuoto.
Questo rossastro che domina mi garba.


Certo, amico Fabrizio. Grazie!
Pagine: [1] 2 3 ... 10