Autore Topic: Forma chiude  (Letto 537 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline elerum

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.518
    • Milano
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Forma chiude
« il: Sabato, 19 Ottobre 2013, 23:56:29 »
 :cry: speriamo che trovino al più presto un nuovo spazio e per essere egoista, non troppo lontano a Milano

Citazione dal loro sito

Citazione
Milano, 19 ottobre 2013
 Fondazione Forma per la Fotografia. Forma cambia per necessità.

 La Fondazione Forma annuncia un ampliamento della attività e un cambio di sede. I cambiamenti veri sono sempre portatori di novità. E, ovviamente, di aperture.
 Forma rinasce e si rifonda.
 La nuova attività della Fondazione Forma si rivolge a una parte della propria mission ancora non del tutto messa in pratica e che sarà costitutiva del lavoro dei prossimi anni: la valorizzazione, conservazione, studio e divulgazione dei grandi archivi dei maestri della fotografia italiana.
 La nostra mostra di apertura nel 2005 nella sede di Piazza Tito Lucrezio Caro, dedicata a Gianni Berengo Gardin, era una chiara dichiarazione di intenti: la Casa della Fotografia Italiana iniziava il proprio programma con una mostra dedicata a un grande autore italiano. Ora, il primo archivio verso cui rivolgeremo la nostra attenzione è proprio quello di GBG.
Siamo molto lieti di annunciare che abbiamo concluso un accordo quadro con Gianni Berengo Gardin e la famiglia nel quale la Fondazione sarà depositaria e gestionaria dell’intero suo archivio, compresi i negativi, i provini, le stampe, i documenti, alcune delle macchine fotografiche. Altri accordi con altrettanti maestri italiani seguiranno e colloqui sono già in corso in questa direzione.
 Questo progetto, che per la prima volta si realizza in Italia con una dimensione ampia e completa, impegnerà la attività di Forma per i prossimi 10 anni, con le capacità che abbiamo e che comprendono tutte le attività di catalogazione e valorizzazione delle opere e del lavoro del patrimonio visuale della fotografia italiana. Il progetto è di importanza assoluta e costituisce una iniziativa pilota che non ha precedenti nel nostro paese e pochissimi all’estero. La fotografia deve assumere nel nostro paese, come le altre discipline artistiche, piena dignità e valore; questo impegno parte proprio dalla valorizzazione di quanto fatto dai grandi fotografi italiani.

 La Fondazione Forma per la Fotografia cambia e dopo un lungo periodo a Piazza Tito Lucrezio Caro, lascia questa sede e cerca nuove strade da intraprendere, sempre nel nome della fotografia d’autore.
 Dobbiamo prendere atto che né la presidenza della ATM, né la Giunta del Comune di Milano hanno voluto riconoscere il giusto valore strategico al progetto Forma, e non hanno purtroppo trovato le modalità di sostegno del nostro progetto sull’edificio che abbiamo animato per oltre 8 anni, coprendo tutte le spese con nostre risorse.
 Con spirito di servizio e in vista della valorizzazione della fotografia in tutti i suoi aspetti, abbiamo proposto alla città di Milano circa 80 grandi mostre fotografiche dagli autori internazionali più importanti (Richard Avedon, Henri Cartier-Bresson, Robert Mapplethorpe, Robert Doisneau, Josef Koudelka, Elliott Erwitt, Martin Parr, Robert Capa, Sebastião Salgado, Peter Lindbergh, Albert Watson, Bettina Rheims, Willy Ronis, Jacques Henri Lartigue, Antoine D’Agata, Gordon Parks e vari altri) ai maestri della fotografia italiana (Mario Giacomelli, Mimmo Jodice, Nino Migliori, Gianni Berengo Gardin, Paolo Pellegrin, Piergiorgio Branzi), ai nuovi talenti (Erwin Olaf, Paolo Ventura, Jessica Dimmock, Jerome Sessini, Leonie Hampton, Robin Hammonds, Massimo Berruti, Massimo Siragusa, Martin Schoeller, Irene Kung e altri) a grandi mostre tematiche (Fashion!, Faccia a Faccia, Life – I grandi fotografi, La fotografia italiana dal 1945 al 1975, Milano un minuto prima, solo per citarne alcune). Questo programma, insieme agli innumerevoli incontri intorno alla fotografia - tra cui mi piace citare i due convegni sullo stato della fotografia in Italia, la serie di incontri con grandi personalità della cultura tenuti da Ferdinando Scianna e la serie dal titolo 80 ore con i grandi maestri italiani, al programma didattico e di divulgazione, ha proposto al pubblico di Milano una attività continuativa intorno alla fotografia che non c’era mai stata prima e di cui la città aveva bisogno, come testimoniato dai 500.000 ingressi a Forma in questi anni, dagli oltre 20.000 fan su Facebook, gli oltre 3.000 contatti su Twitter (entrambi in forte crescita) e i circa 1.000 membri del Club Forma.

 Dalla nuova Giunta di Milano avevamo grandi aspettative per la cultura, purtroppo disattese. Abbiamo sensibilizzato e incontrato molte delle personalità della città, dagli assessori alla cultura, prima Boeri e poi Del Corno, il Gabinetto del Sindaco, gli assessori Majorino, Maran e altri, ma dobbiamo purtroppo registrare una complessiva indifferenza sul progetto. Una iniziativa privata, con vocazione pubblica, accompagnata da un investimento per la cultura fotografica che nel corso di questi anni ha superato i 5 milioni di Euro, avrebbe dovuto essere ascoltata con maggiore attenzione. Sappiamo bene che le casse del Comune non sono in condizione di poter spendere, ma quello che abbiamo sempre chiesto era essenzialmente un riconoscimento pubblico della importanza del progetto e una diversa modalità di utilizzazione del palazzo (in comodato e non in affitto come è sempre stato) di proprietà dell’ATM e quindi del Comune, su cui abbiamo realizzato una grande rivalutazione patrimoniale, dandogli una nuova vita e un nuovo senso. Abbiamo ristrutturato a nostre spese e reso agibile un luogo che prima era inmaccessibile e che ha portato oltre 500.000 persone a visitare questo spazio. A fronte dell’ingente investimento ci sembra minimale aver chiesto – e ottenuto un secco no - dopo quasi 9 anni di affitto, un uso in comodato gratuito per poter continuare l’attività. Per l’ATM questo significa, a fronte di una rivalutazione patrimoniale dell’immobile ottenuta in gran parte grazie alle nostre spese per alcuni milioni di euro, rinunciare solo ad un introito di circa 80.000 euro annuni, ma nonostante questo abbiamo avuto un secco diniego. Si continua a dichiarare che la cultura deve essere al centro dei programmi politici, ma nei fatti si continua a disattendere i progetti più significativi. Forma è stata conosciuta, studiata e apprezzata da tutte le omonime realtà europee – con cui abbiamo realizzato molte coproduzioni - e certamente dal pubblico, ma non abbastanza dalle istituzioni della città di Milano.

 Il cambio di sede sarà necessariamente accompagnato da una riformulazione del progetto che, di fatto, sposta l’asse verso altri settori del progetto di Forma senza però trascurare o tralasciare quanto finora fatto. L’attività didattica continuerà e si amplierà in collaborazione prima di tutto con NABA, che continua nei loro spazi didattici.
 Certamente con l’abbandono della sede di Piazza Tito Lucrezio Caro, Milano perderà l’unico centro culturale d’Italia destinato esclusivamente alla Fotografia e non sarà più possibile una programmazione sistematica della attività espositive.
 Forma, conosciuta e apprezzata internazionalmente per la sua attività, non potrà più continuare quel programma espositivo immaginato in un unico luogo per la divulgazione e la comunicazione intorno alla fotografia.
 Per Milano, e per l’Italia tutta questo costituisce una grave perdita.

 Conclusioni

 Abbiamo sempre definito il progetto di Forma come la Casa della Fotografia Italiana. Ribadiamo ora questo concetto con una precisazione dedicata al grande impegno per la valorizzazione dei grandi archivi e l’impegno nella loro conservazione.
 Le mostre e i convegni che continueremo a presentare, su tutto il territorio italiano, saranno la dimostrazione della vivacità della nostra proposta e del nostro impegno - a cominciare dalla mostra che apriamo oggi, Una passione fotografica: un omaggio a tutti i fotografi che hanno esposto in questi anni a Forma e a testimonianza di un impegno assunto nel portare a Milano e in Italia i progetti di maggior valore della fotografia internazionale. Non c’è miglior realismo di chi sa essere visionario. Vi aspettiamo nella vostra Casa.
  • Micky
     
IL FOVEON SCEGLIE LA PERSONA CON CUI STARE E NON LA PERSONA IL FOVEON

se Tu hai una mela ed io un altra mela e ce li scambiamo avremo sempre ognuno una mela invece se io ho un idea e Tu un altra idea e ce li scambiamo allora ognuno di noi avremo due idee
George Bernard Shaw


PS: Non sono un "Photographer" ma un artigiano della fotografia  ;)

Offline DANYZ

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.708
    • Emilia-Romagna
  • Foveon User: Ex
Re:Forma chiude
« Risposta #1 il: Domenica, 20 Ottobre 2013, 13:30:57 »
Lho letto anche sul forum di Fotografare. Non essendo di Milano non lo conoscevo, ma vedo che era molto importante...
ALOHA

Offline elerum

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.518
    • Milano
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Forma chiude
« Risposta #2 il: Domenica, 20 Ottobre 2013, 13:58:14 »
Importante a livello mondiale direi non solo nazionale e secondo me si merita un posto più visibile tipo nei dintorni del centro di Milano ma alla giunta comunale e più importante "far' sbucare" dei sommergibili in via dei Mercanti   :mart: :vfc: , spero che si danno una svegliata in comune e li offrano il posto che si merita.
  • Micky
     
IL FOVEON SCEGLIE LA PERSONA CON CUI STARE E NON LA PERSONA IL FOVEON

se Tu hai una mela ed io un altra mela e ce li scambiamo avremo sempre ognuno una mela invece se io ho un idea e Tu un altra idea e ce li scambiamo allora ognuno di noi avremo due idee
George Bernard Shaw


PS: Non sono un "Photographer" ma un artigiano della fotografia  ;)