Autore Topic: Colore 2 - LX100 - Panchina (senza commenti)  (Letto 85 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sardosono

  • Global Moderator
  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.227
    • Casteddu
    • Mostra profilo
    • Italian Foven Community
  • Foveon User: Sì
Colore 2 - LX100 - Panchina (senza commenti)
« il: Martedì, 06 Marzo 2018, 02:04:50 »
Congelare in una foto l'istante effimero ci permette di estrarlo dall'eternità, non tanto, o non soltanto, per documentarlo, quanto soprattutto per poterlo "ammirare" (anonimo sardo)

SDQ+SD15+SD10 50/1.4+17-70/2.8-4OS+17-35/2.8-4+Elmarit135/2.8
GX7+GX1+GH1 20/1.7+25/1.4+45/1.8+60/2.8+70/2.8+20-40/2.8+Vario-Elmarit14-50/2.8
X-T10 35/1.4+50/1.2+28/2.8+Sonnar90/2.8+135/2.5+16-50/3.5-5.6+70-200/4Macro
LX100  GXR+evf 50/2.5Macro+28/2.5  Alpha65  S3Pro  Digilux-2

Offline Lorenzo F.

  • Senior
  • ****
  • Post: 798
    • Calcinato (BS)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Colore 2 - LX100 - Panchina (senza commenti)
« Risposta #1 il: Martedì, 06 Marzo 2018, 11:48:31 »
Non capisco, data la luce che sembra esserci nella scena, i colori non dovrebbero essere quelli, non cosí accesi.
Il gioco di sfumature con la luce sul sedile, sul bracciuuolo r la sfumatura da un bracciolo all'altro mi piace particolarmente.
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline Sardosono

  • Global Moderator
  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.227
    • Casteddu
    • Mostra profilo
    • Italian Foven Community
  • Foveon User: Sì
Re:Colore 2 - LX100 - Panchina (senza commenti)
« Risposta #2 il: Martedì, 06 Marzo 2018, 16:45:18 »
Eh, il discorso sarebbe lungo, e parecchio! Provo però a sintetizzarlo, vediamo un po'...  :-\

Non tutti i fotografi si rendono conto che durante il giorno non abbiamo una sola luce presente, bensì sempre almeno due, se non tre: una è quella diretta del sole, la seconda è quella diffusa dalla cosiddetta "volta celeste" e la terza è quella riflessa dal "contesto" (prevalentemente terreno, edifici, murature e quant'altro); e tutto questo senza contare l'eventuale nuvolosità presente, che adesso trascuriamo nel nostro discorso. Ognuna delle tre illuminazioni può prevalere sulle altre e di solito è così: in pieno sole è la luce solare che prevale su tutto; in ombra scoperta il sole non colpisce direttamente, ed è quindi la volta celeste a far da luce principale, mentre quella riflessa dal contesto svolge il ruolo di riempimento; in ombra coperta, infine, è proprio questa terza luce a far da principale, mentre la luce celeste è trascurabile, oppure diventa addirittura luce d'effetto se arriva dal quarto di sfera che contiene il sole.

Tutto questo durante il pieno giorno (e con poca o nessuna nuvolosità); ma quando ci avviciniamo al calare del sole, ecco che questi rapporti cominciano pian piano a cambiare ed le relazioni fra le tre luci diventano del tutto differenti e non generalizzabili, perché l'inclinazione della luce stessa diventa significativa e mischia tutte le carte in tavola, in modo spesso imprevedibile.

Non solo, ma come se questo non bastasse, anche la composizione cromatica delle tre componenti slitta drammaticamente; ed ecco che a questo punto nascono dei fenomeni cromatici assolutamente normali, ma ai quali non siamo abituati a prestare attenzione e che quindi finiscono col sorprenderci: questo è proprio uno di quei casi!

In questa scena (cielo aperto vicino al tramonto) la luce principale è quella che proviene dal cielo a levante, quindi ben più fredda di quella della porzione di cielo a ponente (dove si trova i sole), che pure riesce ad arrivare dalla parte opposta. Cosa accade adesso? Come si combinano cromaticamente le due fonti di luce? Semplice: la principale riempie la scena e su quella (essendo più intensa) la fotocamera esegue "prevalentemente" (*) il bilanciamento del bianco, esattamente come il nostro occhio presente sul campo; ma anche la luce ben più calda che giunge da ponente arriva a depositarsi sulla scena, solo che, essendo assai meno intensa, la sua diversa cromia si noterà soltanto sulle superfici che possono evidenziarne i toni caldi. Ecco quindi che in questa scena il grigio della pavimentazione rimane del tutto neutro rispetto alla differenze cromatiche delle due luci, mentre il legno della panchina, essendo di colore caldo, diventa un vero e proprio palcoscenico per la luce calda da ponente!!! 8)

Ma la cosa più interessante è un'altra: infatti, adesso che lo sai, se in situazioni analoghe provi a soffermarti e lasci adattare l'occhio, scoprirai che il cervello dopo un po' smette di appiattire i colori e comincerai a vedere il colore caldo anche con i tuoi occhi: provare per credere!  ;)


(*) in realtà, la fotocamera si accorge di un leggero eccesso di rosso e lo sottrae, quindi occorre ripristinarlo in post, cosa semplicissima da fare in questo caso (per esempio, rendendo cromaticamente neutra la pavimentazione).
Congelare in una foto l'istante effimero ci permette di estrarlo dall'eternità, non tanto, o non soltanto, per documentarlo, quanto soprattutto per poterlo "ammirare" (anonimo sardo)

SDQ+SD15+SD10 50/1.4+17-70/2.8-4OS+17-35/2.8-4+Elmarit135/2.8
GX7+GX1+GH1 20/1.7+25/1.4+45/1.8+60/2.8+70/2.8+20-40/2.8+Vario-Elmarit14-50/2.8
X-T10 35/1.4+50/1.2+28/2.8+Sonnar90/2.8+135/2.5+16-50/3.5-5.6+70-200/4Macro
LX100  GXR+evf 50/2.5Macro+28/2.5  Alpha65  S3Pro  Digilux-2

Offline Lorenzo F.

  • Senior
  • ****
  • Post: 798
    • Calcinato (BS)
    • Mostra profilo
  • Foveon User: Sì
Re:Colore 2 - LX100 - Panchina (senza commenti)
« Risposta #3 il: Martedì, 06 Marzo 2018, 18:39:13 »
Effettivamente mi è capitato spesso di soffermarmi a guardare incredulo situazioni simili che avevo visto ma non capivo, peggio ancora quando provavo a fotografarle, non mi ci ritrovavo MAI.


Ora che so da quali fattori è determinato i gioco di luce, proverò a capire e magari a sfruttarli meglio.


GRAZIE !!!
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani