Autore Topic: L'inverno lascia il passo alla primavera  (Letto 152 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline agostino

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.172
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
L'inverno lascia il passo alla primavera
« il: Venerdì, 30 Marzo 2018, 19:18:32 »
Idea: passavo a lato di questo campo in auto e con la coda dell'occhio ho visto alberi rinsecchiti contro il cielo e i fiori nel prato e ho pensato al titolo..

Composizione: non potendomi fermare ho provato a immaginare se, scendendo nel campo, sarei riuscito a tenere i fiori in primo piano e gli alberi sullo sfondo

Inquadratura e scatto: alcuni giorni dopo, fornito della MF, prima di andare a lavoro mi sono impantanato nel campo e cammina cammina ho trovato un punto di ripresa che mi sembrava congeniale.

Risultato: modesto ma mi sono divertito.
  • Agostinocantastorie?
     
Fuji xe1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 50 +90 mm; sigma sd4 + 17-50 mm f 2,8 Ex.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)

Offline Sardosono

  • Global Moderator
  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 2.626
    • Casteddu
    • Italian Foven Community
  • Foveon User: Sì
Re:L'inverno lascia il passo alla primavera
« Risposta #1 il: Venerdì, 30 Marzo 2018, 20:50:10 »
Ehh, però! Come si suol dire: "il buongiorno si vede dal mattino..."  ;)

Tutto IMO quel che segue:

- nella prima il primo piano è ancora troppo discreto ed uniforme per aspirare di entrare a far parte del percorso di lettura principale, che rimane tutto sui tronchi e sulla linea d'orizzonte: di conseguenza la lettura si esaurisce in fretta, il che vuol dire che la composizione è ben poco efficace.

- nella seconda, invece, i fiori in primo piano raggiungono una dimensione relativa tale da cominciare a competere con tronchi e orizzonte, ma non ancora sufficiente per diventare co-protagonista: la letture perdura più a lungo che nella prima immagine, quindi questa composizione è ben più efficace della prima, ma nel complesso l'immagine ancora non trattiene la lettura oltre il secondo passaggio.

- ritengo che incrementando ulteriormente (ma senza esagerare) la dimensione apparente dei fiori in primo piano, l'efficacia complessiva migliorerebbe ancora, ma continuerebbe a mancare un elemento che trattenga e prolunghi la lettura.

- sostanzialmente ci vorrebbe nel primo piano un qualche elemento in grado di catalizzare la lettura (per esempio un fiore molto più grande degli altri, oppure di colore diverso e contrastante, insomma una "forma di contrasto"); in una situazione come questa, un tale elemento diventerebbe automaticamente un "punto R3" (o RRR, cioè Ritorno-Riposo-Ripartenza), ossia un punto sul quale lo sguardo tende a ritornare dopo ogni "escursione" all'interno dell'immagine, per soffermarsi qualche istante e poi ripartire per la "escursione" successiva. Senza un elemento che svolga questa funzione, difficilmente la lettura dura più di un paio di secondi.

- ancora più efficace sarebbe, dal punto di vista compositivo, se tale elemento catalizzante (chiamiamolo così, per il momento) non fosse di natura puramente estetico-sensoriale (colore, forma, luce, ecc.) ma contenesse in sé l'elemento umano (anche indirettamente, come implicazione o implicita correlazione).

- giusto affinché sia chiaro che questa è soltanto una delle molteplici possibilità, aggiungo che una alternativa altrettanto valida ed efficace sarebbe se l'elemento "catalizzante" (continuiamo a chiamarlo così) fosse posto sul piano dell'orizzonte, per esempio una sagoma di figura umana ben riconoscibile come tale che compete con le sagome dei tronchi.

Tornando al topic: ottimo esercizio, il modo giusto di procedere e sperimentare!!!  8) :si:
Congelare in una foto l'istante effimero ci permette di estrarlo dall'eternità, non tanto, o non soltanto, per documentarlo, quanto soprattutto per poterlo "ammirare" (anonimo sardo)

SDQ+SD15+SD10 18-35/1.8+50/1.4+17-70/2.8-4OS+17-35/2.8-4+Elmarit135/2.8
GX7+GX1+GH1 20/1.7+25/1.4+45/1.8+60/2.8+70/2.8+20-40/2.8+Vario-Elmarit-14-50/2.8
X-T10 35/1.4+50/1.2+28/2.8+Sonnar90/2.8+135/2.5+16-50/3.5-5.6OS+70-200/4Macro
LX100  GXR+evf 50/2.5Macro+28/2.5  Alpha65  S3Pro  Digilux-2

Offline agostino

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.172
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Re:L'inverno lascia il passo alla primavera
« Risposta #2 il: Venerdì, 30 Marzo 2018, 21:11:37 »
Grazie di cuore per il tuo articolato commento!
  • Agostinocantastorie?
     
Fuji xe1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 50 +90 mm; sigma sd4 + 17-50 mm f 2,8 Ex.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)

Offline pacific palisades

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.172
  • andrea
    • Forlì
  • Foveon User: Sì
Re:L'inverno lascia il passo alla primavera
« Risposta #3 il: Venerdì, 30 Marzo 2018, 22:21:39 »
Il mio commento sarà invece disarticolato!

Levare, semplificare.
                  Ma non semplificare la complessità.
                                       
Immagine senza soggetto.
                       Texture come soggetto.

Grande ritorno Agostino  :si:


( :D Si capisce solo l'ultima riga...  è proprio il commento di uno che ha per immagine-profilo un particolare di ruota panoramica paradossale.)
  • andrea
     
Se come so sei un marinaio che osserva l’arrivo del tifone, allora aggrappati stretto e forte all’elemento libero che liberamente voli.
Dario Voltolini Forme d'onda

Non tentare di adattarti a questi delicati palati. Puoi tagliare certo, puoi far fuori qualche ridondanza qua e là, ma sei 'raffinato' così, quando sei te stesso. Non farci caso quando ti danno del rozzo, non hanno nient'altro da opporti. Non sei come blateri di tanto in tanto una ciocchetta!
Antonio Moresco Lettere a nessuno

Offline Italo

  • Moderator
  • HONOR POSTER
  • ****
  • Post: 6.518
  • May Foveon be with you!
    • RIMINI
  • Foveon User: Sì
Re:L'inverno lascia il passo alla primavera
« Risposta #4 il: Sabato, 31 Marzo 2018, 09:48:30 »
Confermo quanto scritto da Antonello: la seconda lascia "penetrare" nell'immagine e ti trattiene più a lungo, mentre la prima resta "incollata" su una parete.
  • Italo
     
Sigma DP2m+SD10_17-70:2,8-4,5__Summicron 50:2__1800:6 autocostruito.
Mitsubishi 10x15-20x30 sublimation printers.

Online EXCEL

  • Senior
  • ****
  • Post: 696
    • Germany
  • Foveon User: Sì
Re:L'inverno lascia il passo alla primavera
« Risposta #5 il: Domenica, 01 Aprile 2018, 00:22:33 »
La seconda è sicuramente migliore, la collinetta sulla destra crea uno sbilanciamento che infastidisce un po’, se non ci fosse né apprezzerei molto il minimalismo e il senso di grande spazio
www.moroph.eu

SD1 Merrill 10-20 EX + 24-105ART + 70mm 2.8 Macro EX
Sigma DP1x
Ricoh GR II

Offline agostino

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.172
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Re:L'inverno lascia il passo alla primavera
« Risposta #6 il: Lunedì, 02 Aprile 2018, 22:41:31 »
Grazie a tutti per le osservazioni. La collinetta non sono riuscito escluderla: forse avrei potuto adottare un formato quadrato.
  • Agostinocantastorie?
     
Fuji xe1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 50 +90 mm; sigma sd4 + 17-50 mm f 2,8 Ex.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)