Autore Topic: Tre anni di sviluppo del sensore Foveon FF.  (Letto 531 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline agostino

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.175
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Re:Tre anni di sviluppo del sensore Foveon FF.
« Risposta #15 il: Mercoledì, 03 Ottobre 2018, 21:03:17 »
Io oramai uso solo quattro + 17-50 ex, sarà ingombrante ma ho visto di peggio
  • Agostinocantastorie?
     
Fuji xe1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 50 +90 mm; sigma sd4 + 17-50 mm f 2,8 Ex.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)

Offline Silvia V

  • Senior
  • ****
  • Post: 644
  • - DP3M -
    • milano
  • Foveon User: Sì
Re:Tre anni di sviluppo del sensore Foveon FF.
« Risposta #16 il: Mercoledì, 03 Ottobre 2018, 21:38:04 »
comunque un'altra delle domande che avrei fatto a Kazuko è:

"quanto ancora cresceranno le nuove ottiche ART? pensate di fornire un trolley abbinato?"

cioè veramente, talvolta ci si focalizza su argomenti che rischiano di renderci miopi, ma il lievitare dei grammi e dei cm è preoccupante, taglia fuori molti appassionati ma  anche molti professionisti.

sono assolutamente d'accordo! oltre al fatto che sono "leggermente" poco discreti e mettono in soggezione le persone rendendo magari poco naturale un ritratto 
  • Silvia
     
DP3 Merril
Nikon D700
Olympus OMD em1
Nikon F2

"L'inizio è solo un seguito ed il libro degli eventi è sempre aperto a metà"

Offline Lorenzo F.

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.217
    • Calcinato (BS)
  • Foveon User: Sì
Re:Tre anni di sviluppo del sensore Foveon FF.
« Risposta #17 il: Mercoledì, 03 Ottobre 2018, 22:56:55 »
Si lo ammetto, ora che ci sono abituato, la 6D sembra un piccolo plasticotto, la mia vecchia D90 sembra una usa e getta di quelle che si compravano in cartoleria, è si che mi stupisce sempre quando la uso.
Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani