Autore Topic: Sorprendere il paesaggio industriale nella notte  (Letto 30 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline pacific palisades

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.439
  • andrea
    • Forlì
  • Foveon User: Sì
Sorprendere il paesaggio industriale nella notte
« il: Sabato, 09 Febbraio 2019, 09:19:17 »
Questa fotografia di Elerum, e il pensiero della serie di Gianni Pezzani La cucina della mamma sorpresa nella notte* mi ha fatto venir voglia di portare con me la formicamera mentre andavo a ritirare una spedizione da TNT (un anello adattatore). Il mondo, quella parte di universo che abitiamo, è incredibile, c'è sempre qualcosa di stupefacente che ci attende.

* Ovvero questa idea: esiste una relazione tra il soggetto e il tempo della giornata (cioè le ventiquattro ore scandite per finalità pratiche). Le nostre prassi determinano uno stile di visione del soggetto. La serie di Pezzani ci suggerisce di guardare il soggetto fuori dai momenti canonici, perché questo nuovo sguardo produrrà un nuovo soggetto. E' il principio per cui Ghirri ci ha incantato con alcune immagini notturne (ovviamente la notte non è l'unico momento nuovo per guardare). Ma attenzione, il fine non è la spettacolarizzazione, quella va lasciata ai grandi concorsi fotografici presidiati dai fotoeditor che sono la morte della fotografia come pensiero e linguaggio. Rinnovare il soggetto non significa renderlo spettacolare, ma scoprire qualche nuova verità sul mondo. Siate scrittrici e scrittori, non suonatori di sirene.













  • andrea
     
Se come so sei un marinaio che osserva l’arrivo del tifone, allora aggrappati stretto e forte all’elemento libero che liberamente voli.
Dario Voltolini Forme d'onda

Non tentare di adattarti a questi delicati palati. Puoi tagliare certo, puoi far fuori qualche ridondanza qua e là, ma sei 'raffinato' così, quando sei te stesso. Non farci caso quando ti danno del rozzo, non hanno nient'altro da opporti. Non sei come blateri di tanto in tanto una ciocchetta!
Antonio Moresco Lettere a nessuno