Autore Topic: Rosa su quinta appenninica  (Letto 489 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline agostino

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 2.508
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Rosa su quinta appenninica
« il: Giovedì, 05 Settembre 2019, 12:57:45 »
come da topic
  • Agostinocantastorie?
     
Fuji xe1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 50 +90 mm; sigma SDQuattro + 18-35 Art + 17-50 mm f 2,8 Ex.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)

Offline agostino

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 2.508
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #1 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 18:40:32 »
Commento da me questa foto che non ha ricevuto neanche un commento: non c'è rosa senza spine.
  • Agostinocantastorie?
     
Fuji xe1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 50 +90 mm; sigma SDQuattro + 18-35 Art + 17-50 mm f 2,8 Ex.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)

Offline OneFromRM

  • Poster
  • **
  • Post: 216
  • Tra il bene e il male, ho scelto male
    • Italia, Roma
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #2 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 18:51:07 »
Ciao, non l'avevo vista, molto bella!

Offline hobbit

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.254
    • Udine
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #3 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 18:56:16 »
Sai a volte i thread sfuggono, piace anche a me.
Francesco

Foveon: DP1 Quattro ---- m4/3: GX7, GH1, 12-60 f/2.8-4, 25 f/1.4, 60 DN, 100-300.

La vita dell'uomo consiste nell'affetto che principalmente lo sostiene e nel quale trova la sua più grande soddisfazione. San Tommaso D'Aquino

Offline edecapitani

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.034
    • Paullo (MI)
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #4 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 19:12:08 »
La vedo ora: mi piace
  • Enrico
     

Offline clax

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.131
    • Arezzo
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #5 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 19:27:08 »
A me non era sfuggita ma l'avevo
guardata senza ingrandirla, ingrandita
cambia non di poco. In particolare il rapporto
con lo sfondo che risulta più sfocato.
Caruccia assai.
Sembra correre come il vento
però il tempo non ha premura.

   Fabrizio De Andrè

Offline OneFromRM

  • Poster
  • **
  • Post: 216
  • Tra il bene e il male, ho scelto male
    • Italia, Roma
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #6 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 19:37:09 »
"Rose is a rose is a rose is a rose" - Gertrude Stein
"A rose by any other name would smell as sweet"" - William Shakespeare (Romeo and Juliet)

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 2.745
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #7 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 20:59:19 »
La faccio commentare da...

Citazione
Mostrare come ci sia sempre nella realtà una zona di mistero, una zona insondabile che secondo me determina anche l'interesse dell'immagine fotografica. Non mi piace questo vedere tutto come sinonimo di profondità della visione, come una specie di equazione: si vede tutto e questo determina la profondità della visione. Secondo me è un meccanismo di strutture di superficie e la profondità va ricercata in altri valori. Altri valori che sono poi anche il problema di dare spazio alle cose. Anche per questo non mi piace sfocare il fondo per dare profondità, per isolare un oggetto. Questo mi infastidisce, anche perché è un espediente che normalmente viene utilizzato dai principianti. Come il papavero in primo piano e lo sfondo sfocato, per arrivare a delle cose che conosciamo tutti.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline agostino

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 2.508
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #8 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 21:42:46 »
Chi lo ha scritto?
Comunque neanche io di solito stacco i soggetti dallo sfondo così tanto ma anche non farlo mai per principio, o per principianti, mi sembra essgerato.
  • Agostinocantastorie?
     
Fuji xe1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 50 +90 mm; sigma SDQuattro + 18-35 Art + 17-50 mm f 2,8 Ex.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)

Offline Lorenzo F.

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.541
    • Calcinato (BS)
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #9 il: Giovedì, 05 Marzo 2020, 22:30:55 »
Mai vista, moooolto bella ^_^
{[(1:1:1) + (1:1:4)] /3} > 33% = True
SX70-Sd10-SdQ-XH1 ed altre cosucce varie.

Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline Joserri

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.034
    • Madrid
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #10 il: Venerdì, 06 Marzo 2020, 00:52:09 »
Questa bella foto, sincera, solitaria ed elegante, è un tentativo contro la bruttezza. Non mi piace solo non conoscere il nome della rosa, in questo secolo di grande epidemia mondiale.  :conf:

Offline Rino

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.272
    • Pescara
    • Nadir Magazine
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #11 il: Venerdì, 06 Marzo 2020, 11:37:49 »
Mai vista e niente male.
La profondità di campo, quindi lo sfocato tanto o poco che sia, è una delle armi più preziose che abbiano i fotografi per poter accentrare l'attenzione su un soggetto o parte di esso, enorme potenzialità gestita in pieno sin dagli inizi della fotografia coi corpi mobili (purtroppo ora usati davvero poco) e controllata con sapienza dai professionisti e da tutti coloro che fotografano con consapevolezza.
Il controllo della profondità di campo è una conquista ed il suo utilizzo ben dosato una vittoria.

Nel tuo caso avrei gradito una profondità di campo maggiore per avere a fuoco anche i petali della rosa e non solo il calice e lo stelo.
  • Rino
     

Offline hobbit

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.254
    • Udine
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #12 il: Venerdì, 06 Marzo 2020, 11:41:20 »
Interessante commento Rino, grazie per la condivisione.
Francesco

Foveon: DP1 Quattro ---- m4/3: GX7, GH1, 12-60 f/2.8-4, 25 f/1.4, 60 DN, 100-300.

La vita dell'uomo consiste nell'affetto che principalmente lo sostiene e nel quale trova la sua più grande soddisfazione. San Tommaso D'Aquino

Offline Rino

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.272
    • Pescara
    • Nadir Magazine
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #13 il: Venerdì, 06 Marzo 2020, 11:51:22 »
Interessante commento Rino, grazie per la condivisione.

La chiave del discorso è "nel suo utilizzo ben dosato": è lì la differenza tra fotografi capaci e fotografi incapaci, tra una brutta fotografia, una bella fotografia ed una foto banale anche se non sbagliata.
Decidere quanto/cosa vedere e quanto/cosa non vedere è la parte più difficile.
  • Rino
     

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 2.745
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Rosa su quinta appenninica
« Risposta #14 il: Venerdì, 06 Marzo 2020, 14:01:19 »
D'accordo, ma il papavero in primo piano e lo sfondo sfocato, anche fatto con tutta la maestria e eleganza e attrezzatura d'eccellenza possibile, resta sempre un'immagine convenzionale.

Anche nel cosiddetto "paesaggio fine-art" c'è sicuramente differenza tra fotografare con consapevolezza della tecnica, anche tecnica espressiva. Ci sono fotografi che hanno una indiscutibile maestria nel costruire questo paesaggio. E' un manierismo fatto bene, però resta un manierismo.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.