Autore Topic: Vogue Italia se la prende coi servizi fotografici per salvare l'ambiente  (Letto 182 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Tino84

  • Poster
  • **
  • Post: 139
  • Foveon User: No
Re:Vogue Italia se la prende coi servizi fotografici per salvare l'ambiente
« Risposta #15 il: Lunedì, 13 Gennaio 2020, 07:25:30 »
Hobbit, ma io sinceramente non mi aspetto nulla da Vogue Italia, anche perché non sono un suo abbonato.
Ed anche a me balena il pensiero che, essendo per me, pubblicità venduta sotto formato cartaceo, questa sia una operazione pubblicitaria.

Ma o ne critico i contenuti, o passo oltre: lo sfottò “denigra” in un certo senso una scelta, che non sappiamo ancora se abbia una sua validità/coerenza, od addirittura appoggia il gioco, purché se ne parli, dando visibilità alla rivista.

Avessi voluto fare un video a riguardo, avrei preferito una risposta diretta, con domande “certe” su motivazioni della scelta, e perché no, critiche.
Avrei chiesto a Vogue se non ha più senso proporre dei servizi con fotografi “locali”, già sul posto senza smobilitare nessuno da una parte all’altra del globo. Se intendono proporre una sorta di roadmap della loro scelta eco ( appunto l’adozione di carta riciclata, scelte produttive, ecc ), e se pensano di coinvolgere i loro partner commerciali in questa operazione.

Poi insomma, dubito che se con il prossimo numero come penso, cambino idea, qualcuno ne risentirà della loro mancata coerenza ( dubito che il loro abbonato abbia a cuore quanto intentato ), ma non vado nemmeno a fare un “processo alle intenzioni”; preparo casomai sfottò e ironia per il prossimo numero.


Magari sono ingenuo io, ma una possibilità la do a tutti, tanto non si ha nulla da perdere.

Offline notomb

  • Poster
  • **
  • Post: 223
    • Cesenatico - Romagna
  • Foveon User: Sì
Re:Vogue Italia se la prende coi servizi fotografici per salvare l'ambiente
« Risposta #16 il: Lunedì, 13 Gennaio 2020, 08:58:48 »
Semplice pubblicità gratuita sul nulla, il vuoto totale, come l'intelligenza di massa, ormai diventata un buco nero dove c'è il nulla.
Per il discorso Led potrei scrivere molto. Me ne sono occupato qualche anno fa quando producevo fanali Led per MTB (al tempo costavano diverse centinaia di euro) poi arrivarono i cinesi da 2 cent con batterie infime da 5 minuti di autonomia ed Amen. Il principale costo del fanale sono (erano) le batterie non tutto il resto.
Ci sono led e led. Gli economici sono da 80 LumenWatt, quelli buoni da 110/120 LumenWatt. Una bella differenza e non seguo più il discorso evolutivo. Ora non ricordo (come sempre) tutti i dati ma gli 80 L/W sono più o meno come le abbandonate Fluorescenti (i Classici tubi o spirali) che ancora oggi sarebbero meglio in ambito casalingo anche se anziché migliorarle le hanno sempre peggiorate.
Il Grande problema dei Led è il calore generato che va dissipato in modo appropriato. Va da sé che in alcuni ambiti o situazioni non è possibile. Contrariamente a quanto dice Italo tanti Led si Bruciano per il calore e la stessa efficienza dipende dal calore. Se stiamo entro certe temperature ok altrimenti diminuisce l'efficienza e poi si bruciano. Certamente anche i componenti elettrici messi nelle vicinanze della parte posteriore del Led risentono di questo fatto. Per dare l'idea, feci qualche faro per esterno con led da 50 e 100W per illuminare l'esterno di una casa colonica. Ci sono calcoli da fare che ora non ricordo ma ci vorrebe un dissipatore in alluminio con alette di almeno un metro quadro. Per rendere l'idea, non ricordo i dati esatti. Ho dovuto mettere una ventola da PC da 92 cm dietro un generoso dissipatore da PC. Fari del genere se non dissipati bene superano gli 80 gradi in pochi minuti e la temperatura continua ad aumentare.
Poi c'è il discorso alimentazione del Led con corrente costante. Trasformatori/Driver che sono TUTTI ormai di una qualità infima. La temperatura colore viene ottenuta tramite filtri colorati applicati al led che è Sempre luce fredda. Infatti lo stesso led a luce calda rende meno del luce fredda ma non temete, con il tempo e l'uso il filtro si scioglierà e tornerà luce fredda :)
  • Davide
     
Sigma SDQ-H/15/14
Sigma 18-35 art - 35 1.4 Art - 50 1.4 Art - 105 Macro EX - 24-70 Art - 105mm Art - 8-16mm - 18-300 C - 50-150mm EX OS

Offline notomb

  • Poster
  • **
  • Post: 223
    • Cesenatico - Romagna
  • Foveon User: Sì
Re:Vogue Italia se la prende coi servizi fotografici per salvare l'ambiente
« Risposta #17 il: Lunedì, 13 Gennaio 2020, 09:11:39 »
Non sono un tecnico mi baso su esperienze personali fatte Solo con alcuni tipi di Led Epistar, Cree, Luxeon, Epiled. Poi ci sono tanti tipi di Led Diodi. SMD, COB etc.
  • Davide
     
Sigma SDQ-H/15/14
Sigma 18-35 art - 35 1.4 Art - 50 1.4 Art - 105 Macro EX - 24-70 Art - 105mm Art - 8-16mm - 18-300 C - 50-150mm EX OS

Offline Rino

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.709
    • Pescara
    • Nadir Magazine
  • Foveon User: Sì
Re:Vogue Italia se la prende coi servizi fotografici per salvare l'ambiente
« Risposta #18 il: Martedì, 14 Gennaio 2020, 11:20:55 »
Semplice pubblicità gratuita sul nulla, il vuoto totale, come l'intelligenza di massa, ormai diventata un buco nero dove c'è il nulla.

Sottoscrivo.
Temo che VOGUE abbia qualche problema commerciale o d'immagine visto che, per aumentare i propri follower su Facebook, sta assegnando premi alle foto più belle. Fin qui nulla di male, ma nel momento in cui mi accorgo che la maggior parte dei miei contatti ha ricevuto le menzioni, spesso con foto molto modeste (lasciamo perdere i tanti fotografi davvero bravi), c'è qualcosa che non quadra.
Un riconoscimento prestigioso non lo è più se viene dato a tutti.
  • Rino