Autore Topic: Full Frame Miti e Leggende parte 1  (Letto 596 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Lorenzo F.

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.514
    • Calcinato (BS)
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #30 il: Martedì, 04 Febbraio 2020, 00:14:30 »
Appunto per quello le Canon Eos 1 vengono scelte da chi fa reportage naturalistico, non per i mpx ma perche ci puoi piantare un chiodo e il corpo non si rompe, e se dovesse accadere, nel giro di 24 ore te la sostituiscono tanto in patagonia quanto in islanda.
Chi invece fa architettura non si sognerebbe mai un micro4\3 se lo fa o è una nicchia specifica oppure non è un "professionista" sempre inteso che scatta per portare a casa il servizio quindi il pane.
Uguale ragionamento per chi utilizza Foveon per lavoro (Rino ed io potremmo dire la nostra in merito)


Il marketing, che colpisce tutti, fa però meno presa sul professionista, perchè in quel caso le esigenze che si valutano sono altre e ben piú complesse.
{[(1:1:1) + (1:1:4)] /3} > 33% = True

Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline pacific palisades

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.299
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #31 il: Martedì, 04 Febbraio 2020, 01:11:29 »
Lorenzo, però da come scrivi, sembra retorica pubblicitaria: questo non si fa, quello asfalta quegli altri, questa cosa
 è da vero pro... secondo me il marketing agisce molto più in profondità di quel che pensi. Non c'è spazio per il dubbio, per immaginare percorsi diversi.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline Lorenzo F.

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.514
    • Calcinato (BS)
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #32 il: Martedì, 04 Febbraio 2020, 10:27:04 »
In che senso retorica, non c'è retorica in un professionista che cerca affidabilitá a discapito dell'ultimo ritrovato tecnologico; in realtá, anche in quegli ambiti il marketing colpisce duro....(vedasi la promozione della nuova eos1) ma resta il fatto che chi la sceglie, la prefersce ad altre per cose sulle quali il marketing non si concentra in modo cosí evidente.
Comunque siamo fuori dal mio pensiero originario, ossia che discutere di aspetti puramente tecnici senza considerare l'ambito di applicabilitá è inutile.
Detta in modo differente....un amatore avrá delle esigenze e potrá permettersi alcuni "lussi operativi" o "rischi" che un professionista non può correre, quindi i due sceglieranno strumenti differenti e non è affatto detto che il professionista si lasci guidare dal marketing e scelga l'ultimo ritrovato tecnologico ...anzi magari quello verrá preferito dall'amatore.


{[(1:1:1) + (1:1:4)] /3} > 33% = True

Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline pacific palisades

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.299
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #33 il: Martedì, 04 Febbraio 2020, 14:08:09 »
In che senso retorica

Nel senso che si decide su quali storie puntare e su come raccontarle, per esempio: tutti i produttori hanno uno storytelling sull'affidabilità; tutti i produttori si sono chieste come rappresentare il "pro" (rigorosamente maschio e bianco, mai che si veda una donna tantomeno nera, potremmo chiamarlo il professionista scrotale).

A proposito di donne, nella mia città abita Silvia Camporesi, tanto per fare un esempio Finarte ha battuto una sua fotografia dalla serie La terza Venezia se ricordo bene a settemila euro (tiratura di tre, cm 73x100) titolo Fantasmi #11, rappresenta una giostra appoggiata misteriosamente dove è la natura a essere, almeno moderatamente, padrona:



La giostra usata per il collage me la sono trovata davanti in piazza nella nebbia, così sono tornato con la macchina per riprenderla e riflettere sull'immaginazione che permette di spostare le cose e dare un nuovo ordine al mondo.



Il character del 'professionista scrotale' ha una zona retorica in cui può muoversi, per fortuna è circoscritta, non vedrò mai questi "photographer" in camuflage nel mondo di Silvia Camporesi - che in tanti anni non ho mai sentito parlare di attrezzatura, ma di Wittgenstein sì. La distanza tra i due è l'autorialità (non l'arte), vale la pena rifletterci.




 
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline Lorenzo F.

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.514
    • Calcinato (BS)
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #34 il: Martedì, 04 Febbraio 2020, 15:21:51 »
In che senso retorica
..... .che in tanti anni non ho mai sentito parlare di attrezzatura, ma di Wittgenstein sì
Questa citazione è il succo di ciò che sto tentando di spiegare, il professionista* non si perde a parlare o a fare raffronti meramente tecnici su particolari peculiaritá (cosa fatta, spesso e per fortuna aggiungerei, dall'amatore, che ha il tempo di valutare accuratamente il tutto)
Il professionista* valuta altro, dando spesso per scontato (a ragione o a torto) che tutte le macchine fotografiche attuali, hanno il potenziale per ottime foto. Si concentra invece su particolari che molti altri (persino il marketing) considerano irrisori, poichè sa cosa gli serve e lo sa non grazie agli storyteller, bensi grazie ad esigenze che vengono imposte lui dalla comittenza che poi pagherá...o meno... il suo operato.






* colui che per professione ovvero per commessa ovvero per esigenza del committente e ritorno economico, scatta.

{[(1:1:1) + (1:1:4)] /3} > 33% = True

Non sapere chi siamo è grave. Non sapere cosa si vuole è rischioso. Non capire con chi si sta parlando può essere drammatico.
M.Villani

Offline Ginni

  • Senior
  • ****
  • Post: 645
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #35 il: Martedì, 04 Febbraio 2020, 23:08:32 »
Eccoci qui con il righello fuoco su 135 cm cavalletto e autoscatto 2 sec senza alcuna stabilizzazione.

Sony A7R e Panasonic GX80 ottica Canon EF 50 mm f 1.4 (avevo invitato anche una Fuji XT-10 che ha come formato un sensore con densità più simile a quello della A7R ma ho cancellato poi la foto  :azz:).

Comunque ho messo un po di Leitz nella foto.





Crop:





Non mi sembra di vedere grosse differenze a dimensione 1:1 si vede del blur e che sono foto non foveon.

Qui potete scaricare le foto che ho uniformato per colori contrasto etc... Tutte due a f 1.4 e 200 Iso Sony ha impostato 1/10 Panasonic 1/8.

https://flic.kr/p/2ipeAy2

Se mi gira provo con un ottica a vite e la Merrill, pensavo o al  Pentax SMC 50 mm f 1.4 o al Planar 50mm f 1.8 Rollei sempre che riesca a mettere a fuococon la Merril.

Se per le lenti avete altri consigli ci posso provare.

Certo che il test è artiginale e vale per quello che vale, diciamo che è una scusa per iniziare a lavorare un po dopo :).




Offline pacific palisades

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.299
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #36 il: Mercoledì, 05 Febbraio 2020, 19:00:08 »
I numeri 2.8 e 22 in cima e in fondo all'obiettivo si leggono un po' meglio nella seconda ma va a capire se dipende dalla DOF o dalla risoluzione diversa dovuta al crop... a questo punto due cose sono certe: se c'è differenza è poca e i Leitz sono bellissimi  :si:
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline clax

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.102
    • Arezzo
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #37 il: Mercoledì, 05 Febbraio 2020, 19:18:14 »
Comunque ho messo un po di Leitz nella foto.
Era meglio se stavi fermo
e ti concentravi su quel metro da muratore!  :)
Sembra correre come il vento
però il tempo non ha premura.

   Fabrizio De Andrè

Offline Ginni

  • Senior
  • ****
  • Post: 645
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #38 il: Mercoledì, 05 Febbraio 2020, 20:54:09 »
Comunque ho messo un po di Leitz nella foto.
Era meglio se stavi fermo
e ti concentravi su quel metro da muratore!  :)
Era tutto su cavalletto con autoscatto.

Offline pacific palisades

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.299
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Full Frame Miti e Leggende parte 1
« Risposta #39 il: Mercoledì, 05 Febbraio 2020, 21:18:52 »
Tiragli un mattone sull'elmo!  :))
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.