Autore Topic: Ma non si tratta in alcun modo di una sequenza di conoscenze messe insieme.  (Letto 163 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.004
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Online pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.004
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Ma non si tratta in alcun modo di una sequenza di conoscenze messe insieme.
« Risposta #1 il: Lunedì, 08 Giugno 2020, 01:43:11 »
Qualcun* sa spiegare perché queste fotografie appaiono così?
Il mondo ha sempre una parte decifrabile che chiamiamo scienza - e anche una non decifrabile su cui si deve tacere.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Online pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.004
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Ma non si tratta in alcun modo di una sequenza di conoscenze messe insieme.
« Risposta #2 il: Giovedì, 05 Novembre 2020, 09:41:48 »
Avevo dimenticato questo topic.
Allora, qui è chiara la differenza tra fotografia e realtà fotografata; ma non è subito chiara la relazione tra le due.
Le cinque immagini raffigurano la stessa realtà (a parte il leggero spostamento della camera), sono diverse perché era impostata una forcella di esposizioni che ha influito sul mosso, la sequenza dei valori di esposizione è questa: 0, -1/3, +1/3, -2/3, +2/3, dunque meno mosso dove c'è sottoesposizione e viceversa.

La spiegazione è banale, ma non è banale ciò che sottintende, cioè che per i viventi vedere e leggere (cioè interpretare, pensare, congetturare...) sono due aspetti che non è possibile sciogliere. Questa peculiarità ci sfugge perché noi viviamo immersi nella visione-lettura, è un aspetto dell'esistere, ossia è talmente vicina e pervasiva che ci sfugge. Eppure è un'idea stupefacente che rende tutto così miracoloso.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline hobbit

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.485
    • Udine
  • Foveon User: Sì
Re:Ma non si tratta in alcun modo di una sequenza di conoscenze messe insieme.
« Risposta #3 il: Giovedì, 05 Novembre 2020, 10:00:17 »
Andrea sei troppo evoluto per noi. Io vedo solo foto più o meno mosse.

Il mosso in una foto in genere non ci deve stare perché degenera il contenuto informativo della stessa, a meno che non sia il mosso stesso il contenuto informativo che si vuole comunicare.

Gli altri piani della conversazione che vorresti instaurare non li sento miei, perciò passo!
-- Francesco --

Foveon: DP1Q e DP3Q ---- 4/3: E-1 14-54 ---- m4/3: GX7, GH1, 25 f/1.4, 60 DN, 100-300

La vita dell'uomo consiste nell'affetto che principalmente lo sostiene e nel quale trova la sua più grande soddisfazione. San Tommaso D'Aquino

Online pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.004
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Ma non si tratta in alcun modo di una sequenza di conoscenze messe insieme.
« Risposta #4 il: Giovedì, 05 Novembre 2020, 13:46:17 »
Io vedo solo foto più o meno mosse.


Perché sono disposte secondo la sequenza di ripresa, se invece le avessi disposte secondo l'esposizione -2/3, -1/3, 0, +1/3, +2/3 salta all'occhio che aumenta il mosso, e si ipotizza una ragione.
Comunque non è voluto, mi è partito lo scatto.

Il mio più che altro è un sentimento, lo stupore per la leggibilità del mondo, quindi in fondo lo stupore per la sua struttura razionale.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline Joserri

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.145
    • Madrid
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Ma non si tratta in alcun modo di una sequenza di conoscenze messe insieme.
« Risposta #5 il: Venerdì, 06 Novembre 2020, 02:49:31 »
Trovo il discorso di Andrea molto interessante. Cerca di spiegare concetti che anche lui non comprende appieno. Se avesse capito, avrebbe messo nella sua grande testa una delle onde vibranti che si infrangono contro le rocce.

Se non c'è nulla da offuscare nelle sue idee, ricordo i miei primi esperimenti con la fotografia all'argento: mio nonno materno era un architetto, un medico e un grande fotografo; ma mi disse che ero io che dovevo scoprire come le esposizioni della macchina fotografica si scontrassero con gli sviluppi chimici. Naturalmente, quel metodo quasi militare mi ha fatto passare una notte intera, mettendo pezzi di carta con varie esposizioni e sviluppi sul grande tavolo della sala da pranzo. E, voilà, ho cominciato a scoprire.

Andrea è un grande esempio di anima pensante.


Grazie!  :) ^-^ :P