Autore Topic: SDQ trip and tricks  (Letto 518 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline notomb

  • Senior
  • ****
  • Post: 678
    • Cesenatico - Romagna
  • Foveon User: Sì
SDQ trip and tricks
« il: Martedì, 26 Maggio 2020, 10:38:47 »
Dopo anni di utilizzo metto alcuni "trucchi" per l'uso della macchina ed SPP. Spesso le domande sono ricorrenti e le stesse.
Fotocamera:
Velocizzare l'utilizzo. In caso di necessità di scatti ravvicinati disabilitare l'anteprima dell'immagine. Dopo lo scatto e trasferimento alla SD viene presentata l'immagine nel Mirino/Monitor. Sino alla fine non si può riscattare.
Memoria SD, ufficialmente non sono supportate le UHS II, io ne uso una (Toshiba Exceria), nell'uso normale e leggermente più veloce ma se fate qualche raffica (eresia per il mondo Foveon) la differenza è notevole. Tempo fa scattavo davanti ad un palco a raffica, riempita le memoria la cambiai con una normale, sempre veloce ma UHS I, dopo la prima raffica subito stop per il caricamento.
Preferire le SD normali alle MicroSD, basta un micromovimento e perdono la connessione con l'adattatore. Ne ho provati diversi ma sempre la stessa storia.

Comandi. La rotella anteriore sul pulsante di scatto è troppo dura, è sempre la stessa utilizzata nelle precedenti SD. Quasi sempre devo usare 2 dita per muoverla. Si possono invertire i comandi con la rotella posteriore (pollice) molto più morbida. All'anteriore ho assegnato il correttore esposizione +/- e alla posteriore i diaframmi. Io la uso quasi solo in A e per me è fondamentale, magari per altri no.

Surriscaldamento. Il problema c'è anche se mi è capitato solo un paio di volte di dovermi fermare, Luglio oltre 30 gradi e uso intenso. Ma spesso uso 2 corpi. Ricordatevi di spegnerla sempre, anche in stand-by tende a riscaldare.

Consumo energetico. Consuma parecchio ed anche le batterie originali non sono un granche. Un giorno ne aprirò una per vedere che batterie hanno usato. Sono 2 litio cilindriche in serie. Non si può fare molto, si può disabilitare il monitor tramite la levetta a sx del mirino. Dipende dall'uso personale, per me è quasi inutile. E spegnerla appena non la si usa, anche per pochi minuti. Le batterie compatibili sono per Panasonic (ora non ricordo la sigla) molto più diffuse. Credo BLF19.
Ricordate sempre che le immagini riviste a Monitor/Mirino tendono ad essere sempre più luminose del reale per un fatto fisico dei display. Vale per tutte le digitali.

Ottiche compatibili con attacco SA. Non ce ne sono a parte gli M42 tramite l'unico anello adattatore disponibile in commercio. SA-M42.
Tramite questo anello si possono usare anche i vecchi Tamron adaptall. Esiste un raro Adaptall M42 oppure l'anello Adaptall Pentax K.
L'attacco SA ha la baionetta Pentax K e il tiraggio Canon EF. Le Pentax K non si possono montare direttamente per via della levetta diaframma e pinna che toccherebbero nel filtro IR. Per usarle bisogna fare la modifica irreversibile dell'asportazione di entrambe le protuberanze.

SPP programma Sigma per sviluppo dei X3F (Raw)/X3I (Funzione SFD 7 scatti fusi insieme)
Programma lento a prescindere. Per "velocizzare" bisogna suddividere le foto scaricate in sottocartelle di poche foto. Se scaricate 100 foto in una cartella ed aprite una di esse in SPP ci metterà una vita a creare le anteprime. Rendendo il programma ancor più lento.
Riduzione rumore.  A DX in alto ci sono 2 Barre con palline al centro di default. Da me sono sempre al centro, se esagerate con la riduzione otterrete artefatti. Era il problema SDQ dei primi FW. Viceversa se li azzerate otterrete più rumore.

A SX in alto c'è un'altra barra con pallina, Incisione. Più potente della barra definizione sotto. Aumentando si aumenta il dettaglio percepito, pena rumore e artefatti, diminuendo si ottiene un effetto morbido che è utile nel ritratto ad esempio.
Sotto ci sono le solite barre standard di tutti i programmi.
L'ultima barra è Fill in molto utile e sottovalutata. In positivo apre le ombre ed a volte si usa, +0.1/0.2 non di più. In negativo apre molte opportunità per effetti, tende ad annullare lo sfondo in molti casi ed a ravvivare alcuni scatti. Pareri personali ma provate ad usarla.

Sempre a SX c'è il profilo colore. Gusti a parte è bene usare in molti casi il Profilo ritratto anche in casi non specifici. Ammorbidisce un po' il tutto e da un po' più di luce. Provate.

In fondo a SX ci sono altre 4 barre sotto l'istogramma. Tutti spostamenti minimi altrimenti si ottengono artefatti e dominanti. Quasi sempre uso la seconda barra (mezzitoni) con +1/2 per "alleggerire" i neri e il contrasto.

Il programma è basilare ma ben fatto, una volta abituati sarà difficile usare gli altri che hanno 50 barre e sottopagine per fare cose elementari. Manca purtroppo la correzione della distorsione che è stata inserita solo per FP, non commento oltre. :-X

Spero sia utile a qualcuno. Almeno questo è quello che ho sperimentato io.
  • Davide
     

Offline notomb

  • Senior
  • ****
  • Post: 678
    • Cesenatico - Romagna
  • Foveon User: Sì
Re:SDQ trip and tricks
« Risposta #1 il: Martedì, 26 Maggio 2020, 10:55:19 »
Aggiungo quello che inevitabilmente dimentico.
SPP salvataggio immagine.
Dopo aver sviluppato il vostro X3F salvate in TIFF 16 bit se volte passare altri software per ulteriori modifiche, esempio PS.
Se avete fatto un buon lavoro e non vi serve altro potete fare direttamente il Jpeg. Se però tenete anche il TIFF un domani potrete fare altro. Magari dopo pochi mesi avete imparato ad usare la PP e rielaborare l'X3F non è detto che vi venga uguale :))
Altri passaggi come il DNG (implementati negli ultimi FW) sono penalizzanti per il Foveon. Come lo sviluppo del Raw su altri Software. Se volete ottenere il massimo bisogna usare SPP.
  • Davide
     

Offline edecapitani

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.821
    • Paullo (MI)
  • Foveon User: Sì
Re:SDQ trip and tricks
« Risposta #2 il: Martedì, 26 Maggio 2020, 12:55:28 »
Grazie, bella e utile sintesi.
Il DNG lo utilizzavo i primi mesi di foveon, poi Rino mi spiegò i vantaggi dello scatto in x3f e da allora non sono più tornato indietro
  • Enrico
     

Offline cortonio

  • Poster
  • **
  • Post: 143
    • Casoria
  • Foveon User: Sì
Re:SDQ trip and tricks
« Risposta #3 il: Martedì, 26 Maggio 2020, 13:57:41 »
Utile mini guida!
I suggerimenti sono ben accetti... Adesso però mi serve una SDQ! 8)
La mia attrezzatura? Occhio sinistro ed indice destro.
il colore è importante, il bianco e nero è fondamentale.

https://www.flickr.com/photos/109222195@N07/?

Offline aleicos

  • Junior
  • *
  • Post: 66
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Re:SDQ trip and tricks
« Risposta #4 il: Martedì, 26 Maggio 2020, 13:58:55 »
Grazie, molto utile !

Online EXCEL

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.096
    • Germany
  • Foveon User: Sì
Re:SDQ trip and tricks
« Risposta #5 il: Martedì, 26 Maggio 2020, 14:59:21 »
I pallini per il controllo rumore preferisco metterli tutto a sinistra, ad eccezione di quello per il rumore cromatico se vedo qualche macchiolina.
Di solito sono super conservativo sia con M che col Q anche per i cursori definizione e dettaglio, posizionati di base sempre tutto a SX. Però dipende molto anche dal soggetto che fotografiamo, ma per non avere alcun tipo di artefatto, se si mira ad un risultato il più naturale possibile, dal Merrill in poi meglio avere definizione e dettaglio al minimo.

Altra cosa.
Preferisco usare il profilo colore "standard" che mi sembra funzioni meglio, gli altri profili non agiscono solo sul colore ma anche - per motivi a me incomprensibili - sulla curva dei toni. Pertanto parto sempre da "standard" e poi eventualmente agisco sulla saturazione e sul bilanciamento del bianco.
www.moroph.eu

Sigma SD14 + Sigma 18-200 C
Ricoh GR2

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.526
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:SDQ trip and tricks
« Risposta #6 il: Martedì, 26 Maggio 2020, 21:02:56 »
Preferisco usare il profilo colore "standard" che mi sembra funzioni meglio, gli altri profili non agiscono solo sul colore ma anche - per motivi a me incomprensibili - sulla curva dei toni.

Secondo me perché hanno la logica del "filtro", cioè tendono a produrre un'immagine gradevole e finita.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline Donato56

  • Militant
  • ***
  • Post: 379
    • Italia
  • Foveon User: Sì
Re:SDQ trip and tricks
« Risposta #7 il: Giovedì, 29 Aprile 2021, 22:47:33 »
 :si: :si: :si: grazie