Autore Topic: Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico  (Letto 428 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Eros Penatti

  • Senior
  • ****
  • Post: 985
  • "Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo"
    • Gorgonzola ( Mi )
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #15 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 19:12:57 »
Ok, però bisogna prendere come esempio delle fotografie che migliorano dopo il crop, oppure quelle che peggiorano, non quelle che non hanno un senso ne prima ne dopo.
Il discorso psicologico del crop è soggettivo per chi ha scattato, si entra nell'intimo, magari va fatto capire e non tutti sono in grado di percepirlo e recepirlo, uno può decidere di tenerselo per se...
  • Eros
     
Tre DPMerrill
M10R
TL2

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.520
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #16 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 20:44:23 »
Se mi gira faccio una guida al crop, quando si può fare, quando non si può fare altrimenti gli sgonfio le gomme  ;)
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline Tino84

  • Militant
  • ***
  • Post: 366
  • Foveon User: No
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #17 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 20:51:42 »
Ok, però bisogna prendere come esempio delle fotografie che migliorano dopo il crop, oppure quelle che peggiorano, non quelle che non hanno un senso ne prima ne dopo.
Il discorso psicologico del crop è soggettivo per chi ha scattato, si entra nell'intimo, magari va fatto capire e non tutti sono in grado di percepirlo e recepirlo, uno può decidere di tenerselo per se...

Esatto, un ritaglio è uno strumento a nostra disposizione, che si faccia per sentimento, per idea di miglioramento o che, è semplicemente una possibilità in più per arrivare ad un risultato. Non vedo perché farne a meno “a prescindere” solo per filosofeggiare sui forum  :-\

Offline Ginni

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 1.185
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #18 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 21:18:06 »
Non dimenticate anche Teomondo Scrofalo
:si:

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.520
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #19 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 21:30:52 »
un ritaglio è uno strumento a nostra disposizione, che si faccia per sentimento, per idea di miglioramento o che, è semplicemente una possibilità in più per arrivare ad un risultato. Non vedo perché farne a meno “a prescindere” solo per filosofeggiare sui forum  :-\

Che dire, hai croppato il pensiero dalla fotografia  ;)
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.520
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #20 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 21:51:57 »
Comunque, scrivere che il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico, non significa che il crop non possa mai avere un aspetto formale-contenutistico. Dipende da quel che si fa, ma la maggior parte delle rifilature che vedo sono per eliminare i cosiddetti 'elementi di disturbo' o per creare degli scenari teatrali, e quando succede questo, sempre per la mia esperienza, vedo più che altro una incapacità nel leggere ciò che il mondo offre.

Poi se si vuole essere autori, e quindi riscrittori del mondo, che è una strada possibile, che ha dato tante cose fantastiche, e anzi è quella ora egemonica, chi lo impedisce, non certo io.




"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline Eros Penatti

  • Senior
  • ****
  • Post: 985
  • "Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo"
    • Gorgonzola ( Mi )
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #21 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 22:17:49 »
Non mi son mai posto il problema se una foto è stata croppata o meno, è il risultato finale che conta  ;)
L'elemento di disturbo viene rimosso e tagliato proprio perché è di disturbo, tranne quando da valore aggiunto, cosa rara che deve essere percepita come tale.
Gli scenari teatrali devono piacere a chi scatta, sono apprezzati da chi li apprezza, il mondo offre cose bellissime e bruttissime, c'è chi apprezza quelle bellissime e chi apprezza quelle bruttissime, ognuno legge il mondo come vuole
  • Eros
     
Tre DPMerrill
M10R
TL2

Offline Tino84

  • Militant
  • ***
  • Post: 366
  • Foveon User: No
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #22 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 22:31:58 »
Comunque, scrivere che il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico, non significa che il crop non possa mai avere un aspetto formale-contenutistico. Dipende da quel che si fa, ma la maggior parte delle rifilature che vedo sono per eliminare i cosiddetti 'elementi di disturbo' o per creare degli scenari teatrali, e quando succede questo, sempre per la mia esperienza, vedo più che altro una incapacità nel leggere ciò che il mondo offre.

O può essere “incapacità nel leggere ciò che vedi nel mirino”...
Non possiamo neppure pensare che foto non ritagliate, contenenti errori ed imprevisti, possano assurgere a “lettura del mondo”. Non è questione di ritaglio o non ritaglio, è questione di composizione ed inquadratura.
Se ti va bene, c’è qualche imprevisto che capita nell’inquadratura, se ti va male, hai sbagliato qualcosa e speri di avere abbastanza spazio per ritagliare e rimediare. Il mondo ti offre una lettura, ma sei tu che devi coglierla con la fotocamera, e non per sbaglio

Offline Eros Penatti

  • Senior
  • ****
  • Post: 985
  • "Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo"
    • Gorgonzola ( Mi )
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #23 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 22:35:18 »
Citazione
Se ti va bene, c’è qualche imprevisto che capita nell’inquadratura, se ti va male, hai sbagliato qualcosa e speri di avere abbastanza spazio per ritagliare e rimediare. Il mondo ti offre una lettura, ma sei tu che devi coglierla con la fotocamera, e non per sbaglio

... appunto  :))


  • Eros
     
Tre DPMerrill
M10R
TL2

Offline Joserri

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.419
    • Madrid
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #24 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 23:05:16 »
Salve, salve, mi permetto un'incisione in questo argomento, senza voler interrompere le prossime 47 pagine che seguiranno.

Noi esseri umani amiamo parlare molto, soprattutto per procrastinare alcuni compiti immediati più importanti.
Nella mia vita, ho tagliato (croppato) con i cosiddetti amici; ho tagliato anche con bottiglie, marijuana, crimine e Banche.

A volte, sul torbido lago di ombre luminose che ci coprono dalla testa ai piedi, complichiamo le cose facili e facciamo strada indifferenti a ciò che conta davvero.

Ho detto tutto; e non sono amico delle conclusioni; perché non sono Heidegger.

Ma, tuttavia, mi inchino e saluto tutti i partecipanti, auguro una buona serata e una migliore notte.

Offline agostino

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.194
  • Non sono un fotografo, ma miglioro se mi criticate
    • Roma
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #25 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 23:08:26 »
Ha ragione Joserri.
  • Agostinocantastorie?
     
Sigma SD Quattro + 18-35 Art; Fuji XE1 + Fujinon 18-55 mm + Touit 12 mm; Contax g2 + 28+ 45 +90 mm.
(Al momento silenti: Yashica fx 3 2000 e Contax aria + contax 35mm f2,8 +contax 50 mm 1,4 + contax 80-200 f4)

Offline Eros Penatti

  • Senior
  • ****
  • Post: 985
  • "Sii tu il cambiamento che vuoi vedere nel mondo"
    • Gorgonzola ( Mi )
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #26 il: Domenica, 21 Febbraio 2021, 23:08:55 »
Citazione
A volte, sul torbido lago di ombre luminose che ci coprono dalla testa ai piedi, complichiamo le cose facili e facciamo strada indifferenti a ciò che conta davvero.

... saggio  :si:
  • Eros
     
Tre DPMerrill
M10R
TL2

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.520
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #27 il: Lunedì, 22 Febbraio 2021, 16:23:36 »
O può essere “incapacità nel leggere ciò che vedi nel mirino”...
Non possiamo neppure pensare che foto non ritagliate, contenenti errori ed imprevisti, possano assurgere a “lettura del mondo”. Non è questione di ritaglio o non ritaglio, è questione di composizione ed inquadratura.
Se ti va bene, c’è qualche imprevisto che capita nell’inquadratura, se ti va male, hai sbagliato qualcosa e speri di avere abbastanza spazio per ritagliare e rimediare. Il mondo ti offre una lettura, ma sei tu che devi coglierla con la fotocamera, e non per sbaglio

Tino, la tua obiezione è la stessa di One (mi piace chiamarlo One perché mi torna in mente il mentore di Luke in Guerre stellari). Certo chi ha un'idea autoriale non può che considerare il crop come uno strumento utile alle sue intenzioni. Ho aperto perciò un altro topic sull'autorialità - e su una direzione diversa che la fotografia potrebbe prendere.
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline pacific palisades

  • GOLD POSTER
  • *****
  • Post: 3.520
  • andrea
    • Forlì
    • Anobi biblioteca personale
  • Foveon User: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #28 il: Lunedì, 22 Febbraio 2021, 16:25:00 »
Ho detto tutto; e non sono amico delle conclusioni; perché non sono Heidegger.


Allora sei Miguel de Unamuno ;)
"La fotografia, come la scrittura, ha una sua ambiguità, un suo lessico, una sua logica interna, un suo ritmo, tutti valori che non appartengono a una fotocopia."

Luigi Ghirri, Lezioni di fotografia.

Offline Joserri

  • TOP POSTER
  • *****
  • Post: 2.419
    • Madrid
  • Foveon User: Sì
  • Madrelingua Estera: Sì
Re:Il crop di una foto è un fatto più psicologico che formale-contenutistico
« Risposta #29 il: Lunedì, 22 Febbraio 2021, 16:26:01 »
Ho detto tutto; e non sono amico delle conclusioni; perché non sono Heidegger.


Allora sei Miguel de Unamuno ;)


Simpatico sempre!  :D :D :D