FOTOGRAFIA > Fotografi

Un caffé con l'Arte

(1/2) > >>

OneFromRM:
Questa la devo raccontare...
Spesso la mattina prima del lavoro vado a fare colazione al Caffè Rosati, in Piazza del Popolo a Roma.
Un bar che ha una storia, di cui mi professo largamente indegno. Ma abitando nei pressi trovo piacevole fermarmi lì per un cornetto e un caffè.
Incidentalmente, dal momento che mi capita frequentemente di avere con me macchine fotografiche, i camerieri e il personale si sono convinti che io sia un fotografo di professione.
Questa mattina, mentre ero al bancone a terminare la mia consumazione, un cameriere mi si avvicina e mi chiede: "Scusi, ma lei è un fotografo?". Rispondo: "Beh, solo per hobby, a dire il vero". Il cameriere mi fa "Posso presentarle il maestro Ontani?" e indica un signore molto ben vestito seduto a un tavolino all'aperto, che avevo notato più volte sempre allo stesso posto la mattina.

Il signore è Luigi Ontani
https://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Ontani

Iniziamo a parlare e di colpo mi trovo catapultato in un mondo di Elisabetta Catalano, Dino Pedriali, Federico Fellini, Dacia Maraini etc... che non è quello che gli inglesi chiamerebbero "name calling"., ma una storia fatta di salotti artistici (volontari o involontari), frequentazioni, contaminazioni, ibridazioni, aneddoti...

Cose che capitano

Met:
Come se fosse Ontani  ;) :))
Non è una supercazzola, ma l'assonanza fa strani scherzi. Il bello è, che lo puoi rivedere quotidianamente, adesso che avete fatto conoscenza.

Rino:

--- Citazione da: OneFromRM - Lunedì, 01 Agosto 2022, 09:28:09 ---Il signore è Luigi Ontani

--- Termina citazione ---

Sono begli incontri e belle opportunità. Non mi riferisco solo all'importanza del personaggio, quanto al mondo di cui avete parlato e quindi della piacevolezza della conversazione. Ho avuto l'opportunità di parlare con molti grandi, vecchi fotografi e non sempre la conversazione ed i racconti erano piacevoli, spesso solo autocelebrativi.

OneFromRM:

--- Citazione da: Rino - Lunedì, 01 Agosto 2022, 19:32:02 ---Sono begli incontri e belle opportunità. Non mi riferisco solo all'importanza del personaggio, quanto al mondo di cui avete parlato e quindi della piacevolezza della conversazione. Ho avuto l'opportunità di parlare con molti grandi, vecchi fotografi e non sempre la conversazione ed i racconti erano piacevoli, spesso solo autocelebrativi.

--- Termina citazione ---

Immagino che capiti spesso. Il mondo dell'Arte è un mondo in cui la consapevolezza del sé è importante e a volte si scivola con facilità nel narcisismo.
Ho conosciuto molti attori e statisticamente tendevano a parlare più di se stessi che delle loro opere.
Però, facendo l'opportuna tara all'autoreferenzialità, che è quasi inevitabile, trovo giusto che un artista parli di se stesso e del proprio mondo.
Io, che in quanto ad espressione artistica mi colloco senza problemi fra i "vorrei ma non posso", penso che ci sia solo da imparare e ritengo che chiunque abbia saputo diffondere qui e all'estero un po' del culto per la bellezza, per l'attitudine al pensiero e alla disciplina della "creazione", meriti rispetto e ammirazione.
E poi, confesso, sentire parlare di persone che per me sono solo figure sui giornali o sui libri da parte di uno dei protagonisti, mi fa sentire improvvisamente più "vivo" quel mondo...


Ma sono sicuro che col mio Foveon Full Frame scatterò capolavori immortali e mi metterò alla pari con Doisneau e Herbert List

Eros Penatti:
Bell'incontro !!

Qualche anno fa in un noto negozio milanese di apparecchiature fotografiche, mentre stavo provando un'ottica entro Gianni Berengo Gardin, si avvicinò chiamato dal titolare del negozio, fecero due chiacchiere scherzose... ero li a un metro... mi si asciugò la gola, mi si annebbiò la mente....  mi sentii una formica, non seppi dir nulla di nulla !! 
Occasione persa... ogni volta che penso a quell'occasione, mi do inesorabilmente del "pistola" :azz: :azz:

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa