News:

Nuovi temi disponibili: NameX (scuro e chiaro) e FUSION DARK (solo scuro), anche questi pienamente responsivi.

Menu principale

Test: possibilità di sviluppo diretto con Affinity Photo

Aperto da Met, Domenica, 23 Luglio 2023, 00:47:04

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Met

Condivido qualche considerazione, che spero sia utile a chi utilizza questo software o anche solo curioso di valutare una nuova opzione per lo sviluppo e la postproduzione delle immagini scattate con i sensori Foveon.

Affinity Photo sviluppa i file X3F, grazie a un modulo di sviluppo raw proprietario. Non sviluppa invece i file X3I.


Questa è l'immagine sviluppata direttamente da Affinity, scattata con la dp3 quattro, senza regolazioni a parte un minimo aggiustamento dell'esposizione.


E questa l'immagine sviluppata con SPP, con la medesima correzione dell'esposizione, in modalità colore naturale.

Cambia leggermente il bilanciamento del bianco automatico, ma la resa complessiva di Affinity non mi dispiace affatto  :)

Almeno finché non andiamo a vedere la nitidezza dei dettagli 1:1  :(
Qui l'algoritmo di demosaicizzazione sfoca un po' i dettagli dell'immagine. Certo, il modulo di sviluppo di Affinity ha la possibilità di regolare la nitidezza dei dettagli, ma è un algoritmo aggiunto non paragonabile allo sviluppo completo di SPP. Oltretutto, il modulo non è dei migliori: anche chi ha un sensore Bayer si lamenta di una perdita di nitidezza rispetto a software dedicati, come Capture One, Photoshop, DxO, ecc.


Ecco il crop 1:1 di Affinity...


E quello di SPP: per confronto guardate i peli a fuoco dell'ape e dei fiorellini.

Se il risultato sia accettabile o meno, lo lascio giudicare a voi: è una questione di gusti personali e di interpretazione dello scatto.
Ovviamente SPP ha una resa migliore in termini di nitidezza e il passaggio in più diventa imprescindibile, quando voglio ottenere il massimo dal file X3F. Tuttavia, se pubblico per il web oppure sto usando una lente con scarsa capacità di risoluzione, probabilmente la differenza non si nota.

Il discorso cambia, con sensori Foveon precedenti alla serie quattro: infatti, il bilanciamento del bianco è completamente sballato e vira paurosamente al verde.
Qui sotto potete vedere uno scatto realizzato con la SD15, che Andrea (andrea948) mi ha gentilmente girato per il test.


Affinity


SPP

Non c'è paragone.


Però, spezzo una lancia a favore di Affinity per la correzione ed elaborazione delle immagini:
1) la gestione delle curve e delle altre regolazioni facile e ci sono dei parametri avanzati veramente efficaci.
2) è compatibile con i plugin Photoshop, per cui all'interno dell'applicazione posso avviare direttamente Luminar Neo, Nik Collection, Topaz Labs e via dicendo.

La dominante di verde mi ha fatto venire in mente la bella immagine di Eros di questo post: partendo dal jpg pubblicato, ho corretto al volo la dominante di verde con le curve LAB, senza far diventare magenta le nuvole, cosa che diventava impossibile con il normale strumento di correzione del bilanciamento del bianco.


Un prima e dopo con curve.

Per il momento è tutto.
Se avete un X3F da testare, lo provo volentieri e lo aggiungo volentieri al post.




È bello cio che piace senza concetto.

Rino

Grazie Met per il tempo dedicato a fare le tue prove ed a scrivere questo post. E' ottimo che periodicamente si torni a provare programmi diversi da Sigma Photo Pro per sviluppare gli X3F del Foveon perché i software vengono aggiornati in continuazione e, ciò che avevo rilevato anni fa (in bene o in male), poteva non essere più valido. Purtroppo noto che la sostanza non cambia e la cosa mi sembra anche normale visto che Affinity deve sviluppare tutti i RAW di qualsiasi fotocamera mentre Sigma Photo Pro solo quelli del Foveon (e, oggi, i DNG della Sigma fp. A tal proposito segnalo che i DNG della fp L, aperti con SPP, hanno una marcia in più).

Quando provai Affinity anni fa, notai che non sviluppava gli X3F ma apriva la JPG contenuta nell'X3F, chissà se oggi è ancora così.

Avendo provato negli anni quasi tutti i programmi in grado di aprire e sviluppare gli X3F, posso dire che - almeno per ora - la maggior parte di essi offre risultati più che decenti, ma nessuno arriva a quelli di SPP e, se ci si deve accontentare di un Foveon "bayerizzato", tanto vale comprare una fotocamera con questo sensore e sono abbastanza convinto che molti software ricorrano al trucco di aprire la JPG.

Tirpitz666

Grazie per la comparazione, che conferma i risultati che ho ottenuto anche io e che mi hanno fatto ovviamente rimanere allo sviluppo degli X3F con SPP.

Affinity resta cmq un ottimo complemento post SPP per fare tutte quelle regolazioni "fini" che con SPP risultano più difficili o semplicemente impossibili.

Di fatto il mio workflow implica quasi sempre due passaggi, se voglio ottenere veramente il massimo dai files Sigma.

Rino

Citazione di: Tirpitz666 il Domenica, 23 Luglio 2023, 18:24:23Di fatto il mio workflow implica quasi sempre due passaggi, se voglio ottenere veramente il massimo dai files Sigma.

Purtroppo è quasi sempre necessario anche se la foto è quasi perfetta e non necessita di interventi locali, ma se si vogliono sfruttare tutte le potenzialità del sensore, un passaggio in Photoshop (o altri a scelta) aiuta a fare quel passo in più. Può essere un leggero raddrizzamento, un crop o eliminare con il clone un brufolo sulla punta del naso della modella, un affinamento del colore, ma - anche se non assolutamente indispensabile - aiuta.

Eros Penatti

Grazie Met per aver preso la mia foto come esempio e per la comparativa con Affinity.
Non lo uso, in realtà non ce l'ho, anche se credo sia un ottimo software per sviluppare Raw e se non erro ha un costo veramente competitivo.
Ho la suite Adobe pagata fino a fine 2025, per ora mi concentro tra SPP per quel poco che uso, e PS.
Imparare a destreggiarsi con un altro software implica tempo e studio di cui non dispongo per ora ma un domani chissà...
Apprifitto di questo post per allegare altre due immagini di Sabato scorso fatte al Passo S.Marco con relativi X3F.
Luce pessima, ma c'era un soggetto che faceva parapendio e nonostante le DPQ ho approfittato per far qualche scatto... ne ho altri dove era più vicino e tra le nuvole ma non mi piacciono, con i cambi repentini di luce credo non siano nemmeno buoni da sviluppare...
Allego anche l'X3F della foto presa come esempio.

https://we.tl/t-NvOHrETbgD







Met

Citazione di: Rino il Domenica, 23 Luglio 2023, 17:34:03Quando provai Affinity anni fa, notai che non sviluppava gli X3F ma apriva la JPG contenuta nell'X3F, chissà se oggi è ancora così.

Ho provato a verificare: guardando i dati EXIF contenuti nell'X3F, trovo la presenza del jpg a 8 bit per canale; invece, se apro un vecchio raw della Lumix LX-100, l'EXIF non riporta nulla.

Ciò che Affinity sviluppa è però un file RGB a 16 bit per canale. Inoltre, smanettando con valori estermi di luminosità, contrasto e saturazione non riesco a isolare i caratteristici artefatti del jpg. L'unica cosa che risalta è il rumore caratteristico del Foveon. Forse la versione 2 di Affinity Photo non si limita più a una mera apertura del jpg contenuto nell'X3F, ma è solo una mia deduzione, che non posso confermare con certezza.
È bello cio che piace senza concetto.

Met

Grazie Eros per i raw: Affinity Photo apre con i colori corretti anche i tuoi file.
Effettivamente, mi sembra che ci sia più margine per l'elaborazione, a partire dal file X3F.
Qui non c'è il passaggio in SPP: ho provato a spingere un po' il contrasto e la saturazione e li tiene bene (di solito un file jpg comincia a fare striature dove il cielo è saturo).


Non ero lì e questa è una mia interpretazione.

Adesso, voglio vedere cosa riesco a tirare fuori da quella in controluce  ;)
È bello cio che piace senza concetto.

Met

Lo scatto in controluce è impegnativo. Affinity mi ha permesso di recuperare abbastanza bene le luci alte dal file X3F.
Questa è un'immagine che rende in bianco e nero. Anche qui, lo sviluppo è senza il passaggio preliminare in SPP, con passata finale in Topaz Denoise AI per aumpentare la nitidezza complessiva.

È bello cio che piace senza concetto.

Eros Penatti

Citazione di: Met il Domenica, 23 Luglio 2023, 21:49:54Non ero lì e questa è una mia interpretazione.
Ed è ancora più difficile non conoscendo la situazione...
Però ha sviluppato bene quella verticale Affinity, forse sono un po' tirate le alte luci delle nuvole, dal vivo i colori della vegetazione sono più accesi, specialmente i verdi ma anch'io non sono riuscito a render giustizia al luogo.
Nel mentre ho provato ad aprire i file con il plugin di PS ma fa decisamente peggio...
Ho Luminar Neo ma non lo uso spesso, dovrei iniziare a dargli un occhio, Rino ne parla bene ma anche li il passaggio da SPP è d'obbligo, perlomeno non credo sviluppi gli X3F
Questa è la versione in bw di quella in controluce, convertendo il file a colori ; non è una gran foto, non tanto da perderci troppo tempo, oltretutto è complicata da gestire


Rino

Citazione di: Eros Penatti il Domenica, 23 Luglio 2023, 23:22:29Ho Luminar Neo ma non lo uso spesso, dovrei iniziare a dargli un occhio, Rino ne parla bene ma anche li il passaggio da SPP è d'obbligo, perlomeno non credo sviluppi gli X3F

Non li sviluppa anche se, paradossalmente, li sviluppava Luminar 3 ed anche abbastanza bene. Fui beta tester per l'implementazione nella versione successiva di Luminar, ma preferirono eliminare del tutto questa possibilità.

Luminar Neo, visto che ce l'hai, merita di essere provato. Se decidi di farlo, sviluppa l'X3F molto piatto (quindi ricco di informazioni nelle luci e nelle ombre) con SPP, apri la foto in Tiff 16bit con Luminar Neo e prova il selettore "Accent". Il più delle volte fa un lavoro egregio che necessita solo di eventuali piccoli ritocchi (dipende dalle foto).

Rino

Citazione di: Met il Domenica, 23 Luglio 2023, 23:01:07Lo scatto in controluce è impegnativo. Affinity mi ha permesso di recuperare abbastanza bene le luci alte dal file X3F.
Questa è un'immagine che rende in bianco e nero.

Ho scaricato anch'io gli X3F e li ho aperti con SPP. Nell'anteprima della foto da te pubblicata vedo una versione in BN (forse Eros aveva scattato in Monochrome) che è molto bella e ricca di toni. La tua versione (non credo che sia solo lo sviluppo di Affinity di default, giusto?) ha un suo fascino, ma la trovo eccessiva. Logicamente, siamo sul personale.

Rino

Citazione di: Met il Domenica, 23 Luglio 2023, 20:23:00Ho provato a verificare: guardando i dati EXIF contenuti nell'X3F, trovo la presenza del jpg a 8 bit per canale; invece, se apro un vecchio raw della Lumix LX-100, l'EXIF non riporta nulla.

Ciò che Affinity sviluppa è però un file RGB a 16 bit per canale.

Sicuramente sono passati degli anni dalla mia prova ed il programma, come tutti gli altri, si è evoluto. Spero di avere un po' di tempo per riprovarlo.

Eros Penatti

Grazie Rino, mi hai incuriosito con Luminar, lo proverò sicuramente  :si:
Le DPQ sono impostate su Monochrome, scatto così, riesco a percepire meglio le alte luci rispetto alle altre modalità.

andrea948

Affinity Photo l'ho scaricato in versione demo e provato per 30gg. L'ho trovato un ottimo SW ma per pigrizia (lo ammetto) non l'ho studiato a dovere e sono rimasto fedele a PS, ma solo perché lo uso da anni. Indubbiamente Affinity è un'ottimo SW  soprattutto nel rapporto prezzo/prestazioni. Per quanto riguarda il pre sviluppo con SPP, secondo mè è imprescindibile se si vuole il massimo del risultato ottenibile con i file X3f, se poi parliamo di file ottenuti con i "vecchi" sensori 1:1:1 pre-Merrill l'unica strada percorribile è quella.
P.S. bello lo sviluppo in B&N!
  • Andrea
     

andrea948

Citazione di: Rino il Lunedì, 24 Luglio 2023, 00:49:12Non li sviluppa anche se, paradossalmente, li sviluppava Luminar 3 ed anche abbastanza bene. Fui beta tester per l'implementazione nella versione successiva di Luminar, ma preferirono eliminare del tutto questa possibilità.

Luminar Neo, visto che ce l'hai, merita di essere provato. Se decidi di farlo, sviluppa l'X3F molto piatto (quindi ricco di informazioni nelle luci e nelle ombre) con SPP, apri la foto in Tiff 16bit con Luminar Neo e prova il selettore "Accent". Il più delle volte fa un lavoro egregio che necessita solo di eventuali piccoli ritocchi (dipende dalle foto).

Sono curioso di provarlo, il problema è (come per Affinity) il tempo necessario per entrare in sintonia con il SW, il rischio è di valutarlo troppo superficialmente e quindi ritenere PS migliore ma solo per una questione di maggior conoscenza del SW...
  • Andrea