News:

L'account di @Ricardo ALIAS @Mirel ALIAS @François ALIAS @Rolland ALIAS @Joserri è stato BLOCCATO e BANNATO DEFINITIVAMENTE

Menu principale

Un mattino di riflessioni bovine

Aperto da edecapitani, Domenica, 10 Settembre 2023, 15:40:51

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

edecapitani

Alla pozza di Malga Gasparine di dietro. Sigma dp3q





  • Enrico
     

OneFromRM


Marco_M

  • Marco
     

Pinus


Acheo


andrea948

  • Andrea
     

Rino

Molto ben realizzate. Credo che le persone della mia generazione non siano più capaci di guardare la foto di una mucca e dire "Che bella foto di una mucca".
Qualunque sia la posizione della mucca o lo sfondo, è la copertina dei Pink Floyd. :)

Eros Penatti

Citazione di: Rino il Lunedì, 11 Settembre 2023, 07:22:49Qualunque sia la posizione della mucca o lo sfondo, è la copertina dei Pink Floyd. :)

... vero  ^-^
Tutte molto belle  :si:

Gio78


Tino84


edecapitani

Grazie a tutti!
La mucca dei Pink Floyd fa parte anche del mio immaginario perché mio fratello coltivava un'intensa passione per il rock e il jazz, quindi quella mucca girava anche in casa mia. Oltre il rock e il jazz mio fratello portò in casa anche il '68 e la rivoluzione. Io, totalmente immerso e perduto nella triade musica antica-bicicletta-architettura romanica - mia  alternativa al sesso-droga-rock & roll che però mi rendeva poco interessante agli occhi dei miei coetanei e delle mie coetanee- seguivo il rock e il jazz solo da lontano e di riflesso con i dischi di mio fratello e i concerti della TV svizzera e la mia fase rivoluzionaria si esaurì in pochi mesi in prima liceo.
All'alba del nuovo millennio la frequentazione per lavoro di un chitarrista rock (io curavo una collana di edizioni digitali di musica antica, lui faceva lo stesso col rock), la patente in tarda età nel 2014 (con la conseguenza della radio sull'auto), e YouTube mi hanno permesso di colmare in parte le lacune.

Ancora sul finire del passato millennio mi capitò, uscendo dalla metro in Duomo di notare un gruppo di ragazzi in delirio sotto un balcone della piazza. Chiesi a una fanciulla cosa fosse il motivo del loro entusiasmo e questa mi rispose col nome di un noto cantautore. Ed io "Che è?" "Ma come chi è? Non conosci...? Ma chi è il tuo cantautore preferito?" "Bertrand de Ventadorn" "Chiii?, anzi, dati gli anni, Kiii?"

Ci fu però un giorno negli anni '90 in cui il mondo di mio fratello incrociò il mio nel mio stesso campo di gioco: mi trovavo in uno studio di registrazione per montare un mio disco. A pranzo andai in pizzeria con il tecnico, il suo socio ed un altro musicista che stava anche lui montando il suo disco. Chiacchierammo a lungo senza parlare di musica... una di quelle situazioni in cui ci si trova a proprio agio chiacchierando con uno sconosciuto. Poi lui mi chiese informazioni sulla mia attività. Ad un certo punto io gli chiesi "anche tu hai un gruppo?" E lui "sì, sto montando proprio un lavoro del mio gruppo". "Come si chiama?" "PFM".
  • Enrico
     

OneFromRM


Marco_M

La prima mucca oltre ad Atom Heart Mother a me fa venire in mente Läther di Frank Zappa, pubblicato postumo purtroppo.
  • Marco
     

Pinus

Citazione di: edecapitani il Mercoledì, 13 Settembre 2023, 09:14:26Grazie a tutti!
La mucca dei Pink Floyd fa parte anche del mio immaginario perché mio fratello coltivava un'intensa passione per il rock e il jazz, quindi quella mucca girava anche in casa mia. Oltre il rock e il jazz mio fratello portò in casa anche il '68 e la rivoluzione. Io, totalmente immerso e perduto nella triade musica antica-bicicletta-architettura romanica - mia  alternativa al sesso-droga-rock & roll che però mi rendeva poco interessante agli occhi dei miei coetanei e delle mie coetanee- seguivo il rock e il jazz solo da lontano e di riflesso con i dischi di mio fratello e i concerti della TV svizzera e la mia fase rivoluzionaria si esaurì in pochi mesi in prima liceo.
All'alba del nuovo millennio la frequentazione per lavoro di un chitarrista rock (io curavo una collana di edizioni digitali di musica antica, lui faceva lo stesso col rock), la patente in tarda età nel 2014 (con la conseguenza della radio sull'auto), e YouTube mi hanno permesso di colmare in parte le lacune.

Ancora sul finire del passato millennio mi capitò, uscendo dalla metro in Duomo di notare un gruppo di ragazzi in delirio sotto un balcone della piazza. Chiesi a una fanciulla cosa fosse il motivo del loro entusiasmo e questa mi rispose col nome di un noto cantautore. Ed io "Che è?" "Ma come chi è? Non conosci...? Ma chi è il tuo cantautore preferito?" "Bertrand de Ventadorn" "Chiii?, anzi, dati gli anni, Kiii?"

Ci fu però un giorno negli anni '90 in cui il mondo di mio fratello incrociò il mio nel mio stesso campo di gioco: mi trovavo in uno studio di registrazione per montare un mio disco. A pranzo andai in pizzeria con il tecnico, il suo socio ed un altro musicista che stava anche lui montando il suo disco. Chiacchierammo a lungo senza parlare di musica... una di quelle situazioni in cui ci si trova a proprio agio chiacchierando con uno sconosciuto. Poi lui mi chiese informazioni sulla mia attività. Ad un certo punto io gli chiesi "anche tu hai un gruppo?" E lui "sì, sto montando proprio un lavoro del mio gruppo". "Come si chiama?" "PFM".

A me viene in mente Elio :)