FOVEON > Primo Contatto

grazie - indirettamente - al foveon

(1/8) > >>

agostino:
Gentili Foveonisti, vi ringrazio perché per la prima volta negli ultimi 10-15 anni, leggendovi, non mi sono sentito un alieno. Provo a spiegarmi, se avete tempo e voglia leggetemi altrimenti passate oltre. Non so se questo è il luogo giusto per il topic: diciamo che sono considerazioni stimolate dal vostro approccio alla fotografia che mi sembra trovare nel foveon uno stimolo attuale.
Non sono un fotografo ma uno dei tanti che fa foto in giro, in viaggio, in famiglia e ha il desiderio di farle al meglio, senza per questo aver fatto della fotografia la missione della sua vita.
In pellicola ho sempre fatto diapositive perché ho capito che, trovato un buon laboratorio di sviluppo, è l’unico modo di facile accesso (insieme al B&N autogestito, nel quale ogni tanto mi cimento) per avere riscontro del proprio modo di fotografare (nessuno stravolgimento interpretativo su esposizione, dominanti ecc..). Dieci anni fa circa – dopo un periodo di scarsa attività fotografica – mi accorgo improvvisamente che qualcosa è cambiato: le riviste di geografia, che amavo leggere anche per la qualità delle fotografie, iniziano a pubblicare foto dai colori scialbi, molto “dettagliate” ma nel complesso poco godibili. Non fa eccezione NG ma anche per quelle italiane è lo stesso. Mi accorgo, dalle riviste specializzate, che ormai il mondo è digitale. Ok, c’è pellicola e vado avanti fino al 2013 con le mie dia e un po di B&W. Nel 2103 (la Kodak cessa la elitechrome) compero la Fuji xE1 che sembra promettere una resa simile all’analogico; leggo le recensioni, le immagini che trovo in giro non mi convincono fino in fondo - come tutte le altre (per carità, la qualità del digitale è andata migliorando): i colori, la resa agli estremi della gamma dinamica ad esempio – malgrado chi recensisce è entusiasta di tutto, ponendo l’attenzione su aspetti che mi interessano meno (il famoso bokeh e altro). Ad esempio, nei ritratti che accompagnano la recensione degli obiettivi , laddove la luce è diretta (non necessariamente frontale)  e gira intorno al volto (che, come tutte le superfici curve, offre nell’insieme un gradiente di riflessione) le parti più illuminate diventano evanescenti . Esempio

https://fujifilmblog.files.wordpress.com/2017/09/f7069724-747a-11e7-a760-047d7be9fa86.jpeg

Mi chiedo: forse è una nuova estetica a cui non sono abituato?
Fotografo con la nuova macchina, prima solo in jpeg, poi mi avventuro nel Raw, ma malgrado tutto mi sembra sempre che manchi qualcosa.
Rivedo stampe in cibachrome di foto fatte anni prima, senza alcuna pretesa, solo ricordi di viaggio, e mi sembrano sempre belle (nel senso che sono gratificanti sul piano cromatico e di nitidezza: eppure non usavo ne pellicole né attrezzature al top).
Sulle riviste di geografia di oggi il livello è aumentato ma la pienezza del colore (che mi sembra si chiami correttamente “profondità”) è sostituita dalla saturazione e, come ampiamente letto sul forum, la nitidezza da sofisticazioni tipo sharping. I pappagalli tropicali, conosciuti sulle vecchie riviste, ora sono superdefiniti nei dettagli e coloratissimi ma…disturbano la vista. Della profondità del colore non si parla quasi mai nelle recensioni (ero incappato in questo concetto nella recensione della LEICA m8, parecchi anni fa). Mi sembra che chi recensisce porta l’attenzione dove gli argomenti sono già esibiti dal produttore e dove porta il mercato: il numero di pixel, la velocità operativa ecc. ecc. Le foto di riferimento per i confronti tra sensori sono: etichette di bottiglie di scotch ingrandite al 100%, circuiti stampati con microcomponenti elettronici e amenità del genere.
Ora non so se il Foveon incontrerà i miei gusti o se sarò capace di utilizzarlo per quello che vale: resta il fatto che quello che scrivete mi ha ridato fiducia nelle mie capacità di critica.
Ho letto che qualcuno di voi (Italo?) utilizza o ha utilizzato per il PC, almeno fino al 2015, il monitor catodico e ho pensato: allora non sbagliavo a non voler rottamare il vecchio televisore (poi lo ho fatto per guasti di difficile riparazione) per sostituirlo con un LCD la cui resa è solo apparentemente migliore...
Basta, non vi annoio più. Buone foto.

naphtha:
Ciao Agostino, benvenuto e grazie per questo bellissimo messaggio.  :bat:

Land:
Concordo in toto,ho avuto le tue stesse sensazioni!
Anch’io ho,a volte,l’impressione di essere un po’ avulso
dall’estetica fotografica corrente...
Grazie! :)

Italo:

--- Citazione ---Ho letto che qualcuno di voi (Italo?) utilizza o ha utilizzato per il PC, almeno fino al 2015, il monitor catodico e ho pensato: allora non sbagliavo a non voler rottamare il vecchio televisore (poi lo ho fatto per guasti di difficile riparazione) per sostituirlo con un LCD la cui resa è solo apparentemente migliore...
--- Termina citazione ---
Ciao Agostino.
È vero! Utilizzo ancora adesso un CRT, non un televisore ma uno degli ultimi monitor a schermo piatto indicati per la fotografia prima dell'avvento degli LCD a prezzo popolare.... la risoluzione è più bassa di questi ultimi ma ha il vantaggio di non avere colori che definirei "metallici", per cui non riuscirei ad applicare uno sviluppo ottimale per le mie stampe in sublimazione.
Tra l'altro, sui monitor LCD le immagini hanno solitamente una risoluzione più alta delle relative stampe, così ci si preoccupa inutilmente per difetti che non si notano sulle stampe.

Se si stampasse ci si accorgerebbe che la corsa ai megapixel non è solo inutile ma anche controproducente per la qualità del colore, specialmente col foveon, perché con pixel grandi si ottiene maggiore informazione colore e minor rumore: la mia "Quattro" ce l'ho già: si chiama "SD10"... che mi basta, e avanza, per le mie stampe 20x30.... la venderei solo se comparisse una FF con la stessa dimensione di pixel.

Oggi, sembra quasi che la funzione del dilettante medio sia quella di gratuito "tester" delle varie marche di fotocamere per indicare le modifiche da apportare al prossimo modello per soddisfare la richiesta del mercato, il cui intento è solo quello di arricchire i vari produttori... per essere dilettanti fotografi basta possedere una sola fotocamera, non un intero "arsenale"!  ;)

Lorenzo F.:
Benvenuto Agostino, credo tu sia sulla buona strada per sviluppare una Foveonite, attenzione perchè a questo punto se ci hai trovati, può solo peggiorare... hahahah.

Buona continuazione, da ex utilizzatore amatorialissimo (ed all'epoca molto più inesperto di ora che non lo sono ancora),  di pellicola, credo non passerá molto prima di vedere un tuo foveonscatto.

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa