News:

Alcuni FAKE ACCOUNT sono stati BLOCCATI e BANNATI

Menu principale

Ritorno alle diapositive

Aperto da Rino, Martedì, 14 Maggio 2024, 19:29:06

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Rino

In questo periodo sono in fase nostalgica per la resa tipica delle diapositive con le quali sono nato e cresciuto fotograficamente. Usavo pochissimo le pellicole negative a colori, solo per i matrimoni e qualche ricorrenza, ma per me o per scopi professionali, usavo solo le diapositive anche in medio e grande formato e, ovviamente, sempre di bassa sensibilità. Se mi serviva salire di sensibilità, per esempio in teatro, ricorrevo al BN e, all'epoca, non si andava oltre i 400 ASA (oggi ISO) che esponevo sempre a 1000 e sviluppavo con un rivelatore fatto da me ed ottimizzato per le luci di scena ed i risultati che volevo ottenere. Anche questo è diventato, con gli anni, un modo di vedere le immagini, valutare le ombre, le luci, il grado di contrasto e previsualizzare l'effetto finale dopo lo sviluppo del negativo e la stampa in camera oscura. Ero felice di aver lasciato dietro di me i laboratori, le ombre chiuse ed i colori non sempre prevedibili, ma ora, dopo tanti anni di foto perfette e ben leggibili nelle ombre e nelle luci, sono tornato ad amare le ombre chiuse: sono segni grafici sulle immagini, sono il mistero del celato e si contrappongono alle alte luci esposte al limite. A parte tutto, è un bell'esercizio mentale (quello che facevamo senza neanche rendercene conto con le diapositive), cercare di tenere sotto controllo un'immagine senza contare sui miracoli di Photoshop. Non mi sono privato dell'opportunità di fare qualche intervento in postproduzione (del resto ne facevo anche di più in camera oscura), ma voglio divertirmi: questo era ed è per me lo scopo principale della fotografia anche quando è per lavoro. E' la riscoperta di un modo di vedere senza voler tornare alle pellicole ed alla tecnica perduta: non tornerei mai a dover dipendere dai laboratori od a passare le giornate (ed a volte le notti) in camera oscura come ho fatto per anni. Voglio solo fotografare ed ottenere le immagini che ho in mente oggi: domani ne avrò altre ed in modi diversi.

Sigma fp L con Sigma 20mm F/2 DG DN Contemporary "Serie I".


andrea948

Con le diapositive ho praticamente fatto esperienza pari a 0, quindi non posso (ahimè) sindacare alcunché.. Per il resto concordo al 100%, nel senso che una bella stampa in b&n fatta dallo sviluppo della pellicola fino alla stampa su baritata dà 100 volte più soddisfazioni di 100 file passati in photoshop, su questo non ci piove. Comunque molti stanno ritornando a scattare su pellicola e soprattutto a sviluppare e stampare in B&N in modo autonomo, (il colore fatto in CO è troppo complesso). Il digitale ha mille e più vantaggi, sia dal punto di vista economico che di facilità nell'ottenere risultati soddisfacenti, ma dal punto di vista della soddisfazione tutta  personale  di aver appeso una fotografia fatta dalla A alla Z contando solo sull'esperienza e sulla pratica acquisita, bè ce ne passa...!!!
  • Andrea
     

hobbit

Bella la resa.
Fotografavo molto con le diapositive per poter scattare senza particolari remore e risparmiare sulla stampa (lo sviluppo e intelaiatura di 36/40 pose la pagavo 4000£ ≈ 2€), durante il mio periodo universitario.
Oggi preferirei tornare alle dia, piuttosto che ai negativi, ma la situazione non mi pare rosea.
Francesco https://www.instagram.com/hobbitfrank/

La vita dell'uomo consiste nell'affetto che principalmente lo sostiene e nel quale trova la sua più grande soddisfazione.
San Tommaso D'Aquino

Sigma Dp1q,  Sigma Dp3q
Olympus E-pm1, Panasonic Gx7, Panasonic G90, Zuiko 9-18, Zuiko 14-42, Lumix 20mm, Leica 25mm, Sigma 60mm, Zuiko 75-300

Rik68MI

Riccardo arch. Battaglia
Dp0 quattro

Rino

Citazione di: andrea948 il Martedì, 14 Maggio 2024, 22:41:07Con le diapositive ho praticamente fatto esperienza pari a 0, quindi non posso (ahimè) sindacare alcunché.. Per il resto concordo al 100%, nel senso che una bella stampa in b&n fatta dallo sviluppo della pellicola fino alla stampa su baritata dà 100 volte più soddisfazioni di 100 file passati in photoshop, su questo non ci piove. Comunque molti stanno ritornando a scattare su pellicola e soprattutto a sviluppare e stampare in B&N in modo autonomo, (il colore fatto in CO è troppo complesso). Il digitale ha mille e più vantaggi, sia dal punto di vista economico che di facilità nell'ottenere risultati soddisfacenti, ma dal punto di vista della soddisfazione tutta  personale  di aver appeso una fotografia fatta dalla A alla Z contando solo sull'esperienza e sulla pratica acquisita, bè ce ne passa...!!!

Come dicevo, non tornerei indietro se non per fare qualche "operazione storica" o pochissime stampe in BN da esporre (in casa mia o nelle mostre) o vendere, ma come fotografia di tutti i giorni, proprio no.
Sono contentissimo quando faccio tutto da me dalla A alla Z, ma ho anche imparato a cedere alcune parti del processo senza sentirmi meno soddisfatto, ovviamente se qualcuno lo fa meglio e prima.

Rino

Citazione di: hobbit il Mercoledì, 15 Maggio 2024, 12:50:22Bella la resa.
Fotografavo molto con le diapositive per poter scattare senza particolari remore e risparmiare sulla stampa (lo sviluppo e intelaiatura di 36/40 pose la pagavo 4000£ ≈ 2€), durante il mio periodo universitario.
Oggi preferirei tornare alle dia, piuttosto che ai negativi, ma la situazione non mi pare rosea.

No, oggi la situazione non è affatto rosea, ma - appunto - perché le dia hanno fatto il loro tempo. Belle ed affascinanti, ma troppo a rischio di essere perse, rigate, maltrattate, sviluppate male, etc... per non parlare dei prezzi. In questo, essere autonomo, mi facilita e velocizza la vita in un mondo che, purtroppo, corre sempre più velocemente (non è una frase fatta: prima avevo un mese per i miei articoli, oggi una settimana. Pensa se dovessi attendere anche i tempi del laboratorio per vedere come va un obiettivo).

edecapitani

Bella resa! La cerco, naturalmente con risultati più scarsi, nel paesaggio (anche il paesaggio urbano),quando non mi interessa aprire troppo le ombre: sotto espongo, non so se sia corretto ma, se lascia che le ombre rimangano ombre, mi sembra che funzioni... soprattutto con le fotocamere foveon
  • Enrico
     

Rino

Citazione di: edecapitani il Venerdì, 17 Maggio 2024, 13:15:58Bella resa! La cerco, naturalmente con risultati più scarsi, nel paesaggio (anche il paesaggio urbano),quando non mi interessa aprire troppo le ombre: sotto espongo, non so se sia corretto ma, se lascia che le ombre rimangano ombre, mi sembra che funzioni... soprattutto con le fotocamere foveon

A volte funziona, a volte no, ma in linea di massima sono per il principio che, se c'è luce, ci devono essere le ombre ed il loro ruolo sia fondamentale nell'equilibrio dell'immagine.
A questo punto volevo darti il link di un mio vecchio articolo "Che le ombre facciano le ombre!" e mi sono impazzito per trovarlo. Non ce n'è traccia su Nadir o sul web.
Ho cercato nel mio computer e l'articolo c'è ed è datato 13.10.2019 ma non l'ho mai finito né pubblicato.
Ce n'è una versione su Nadir ancora più vecchia (del 2017) qui, ma è meno polemico. Prima o poi spero di avere il tempo di terminarlo.
Per la cronaca, la maggior parte delle foto dell'articolo non pubblicato le avevo scattate con la dp0. ;)

https://www.nadir.it/tecnica/LUCI-E-OMBRE/luci-e-ombre.htm



Rik68MI

Citazione di: Rino il Martedì, 21 Maggio 2024, 17:43:49A volte funziona, a volte no, ma in linea di massima sono per il principio che, se c'è luce, ci devono essere le ombre ed il loro ruolo sia fondamentale nell'equilibrio dell'immagine.
A questo punto volevo darti il link di un mio vecchio articolo "Che le ombre facciano le ombre!" e mi sono impazzito per trovarlo. Non ce n'è traccia su Nadir o sul web.
Ho cercato nel mio computer e l'articolo c'è ed è datato 13.10.2019 ma non l'ho mai finito né pubblicato.
Ce n'è una versione su Nadir ancora più vecchia (del 2017) qui, ma è meno polemico. Prima o poi spero di avere il tempo di terminarlo.
Per la cronaca, la maggior parte delle foto dell'articolo non pubblicato le avevo scattate con la dp0. ;)

https://www.nadir.it/tecnica/LUCI-E-OMBRE/luci-e-ombre.htm



Grazie.
Riccardo arch. Battaglia
Dp0 quattro